Un pranzo di nozze al Sal de Mar a Muggia.

Ieri, 31 agosto, in una giornata di caldo afoso assolutamente anormale per il periodo (che poi dobbiamo abituarci a questi cambiamenti, ma ci vorrà del tempo) si sono sposati Francesca e Silvio e ho avuto il  compito di fare l’album di matrimonio…

Francesca e Silvio con il titolare del Ristorante Sal de Mar

Un bel compito perchè se “far” matrimoni mi piace sempre dopo 42 anni, farli a Muggia mi piace ancora di più, diciamo pure che riesco ad esprimermi al meglio con punte di top dei top se la cerimonia si svolge nella Basilica di Muggia Vecchia e le foto degli esterni  nel nostro bellissimo castello.
Ottima è stata anche la scelta del Ristorante Sal de Mar con un menu di una raffinatezza e gusto veramente al di sopra della media. Rubo dalla Home del sito :http://www.saldemar.it/
Roberta e Marco  Vi danno il benvenuto  nella magica atmosfera del fortino veneziano che da più di 300 anni cinge e protegge il mandracchio di Muggia. L’insegna racconta della primitiva funzione del fabbricato che era deputato a magazzino del sale proveniente dalle saline delle Noghere.

il Menu di Francesca e Silvio

Muri di 2 metri di spessore dovevano proteggere, da possibili attacchi via mare, uno dei beni più preziosi per la Serenissima: il sale marino. L’attività di ristorazione in questo locale storico viene svolta da più di un secolo attraverso più gestioni. E’ nostro proposito  quello di continuare nella tradizionale attività: piatti genuini, preparati rigorosamente in casa seguendo le ricette delle nostre nonne. Proponiamo, nell’alternarsi delle stagioni, i migliori prodotti del nostro splendido territorio.
Da muggesana DOC aggiungo solo un piccolo particolare che ha le radici nella storia della Muggia del 900, per noi, di Muggia centro, questo posto era chiamato da Hitler,per l’incredibile somiglianza del suo vecchio proprietario Giorgio Stener con il dittatore tedesco con i baffetti.

Piovra croccante con crema di burrata e pomodoro cuore di bue

Ritornando al delizioso menu proposto dallo Chef Andrea , ho ancora in bocca il gusto della Piovra croccante con crema di burrata e pomodoro cuore di bue
Come primo  Paccheri di Gragnano con spada, melanzane fritte, pomodoro datterino e menta fatti in onore dello sposo siciliano ed i suoi ospiti e Fusi freschi fatti in casa con scampi alla busara (i Fusi sono una pasta istriana: La pasta si fa impastando molte uova, anche sei-sette per un chilo di farina di frumento, meglio se di grano duro. Niente sale, casomai un cucchiaio d’olio. Lavorando vigorosamente e pazientemente l’impasto con le mani sulla spianatoia, le massaie istriane ricavano una pasta soda e liscia che viene fatta riposare per un’oretta prima di essere tirata a velo con il matterello. Infine la pasta viene tagliata in quadrati che si avvolgono di “sbiego” attorno al manico di un cucchiaio di legno: una semplice pressione delle dita dove i due apici si sormontano e il fuso è pronto.)

Composizione di pesce con patate in tecia

Nel secondo ho trovato anche un accostamento che non avrei creduto cosìbuono: pesce e “patate in tecia”..
In questo caso credo fosse un branzino ed uno scampo con le patate (le patate in tecia sono un piatto della tradizione triestina. Come tutti i piatti tradizionali anche questo ha mille varianti. E’ un contorno a base di patate e viene servito caldo.)
E mi son dimenticata

Aperitivo fronte mare con crostini al salmone e alici marinate

dell’antipasto fronte mare  con crostini di salmone e alici che non ho assaggiato perchè sono andata con gli sposi a far le foto in castello mentre gli ospiti se li gustavano con un fresco prosecchino…
e non dimentico neppure l’antipasto Gratinato misto, con capesante, capelonghe e “caramai”….

 

Abbiamo finito con una torta della Pasticceria Bom Bom, con sede a San Dorligo della Valle in Provincia di Trieste…
Niente male vero??

Torta nuziale frutta e panna del Bom Bom

Ah…dimenticavo l’ottima cantina vini di Sal de mar ( e questo me lo aveva detto un amico sommelier che va spesso a cena là)

Adesso mi è venuta fame e mi verrebbe voglia di scendere e andare a mangiare da Roberta e Marco! (invece mi farò un panino e mi lancerò sul divano)
Buona serata a tutti!
PS: guarda le foto sul facebook

Antipasto gratinato

Torta Nina.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ciao a tutti! Dopo una sosta di qualche settimana sono qua per rimettermi al lavoro e ricomincio con una fantastica torta di compleanno, la Torta Nina, così chiamata perchè l’idea degli ingredienti è di Nina e la realizzazione è di sua papà Nicola detto Klaus.
Un successo! Decisamente, padre e figlia sono due creativi molto fantasiosi !

Per fare la torta :
– pan di Spagna con frutta secca e cioccolato
– ripieno di crema alla nocciola, lamponi e fragole
– ricoperta da ganache al cioccolato
– decorata con biscotti di tanti tipi, ovetti kinder, fragole, smarties e..chi più ne ha più ne metta.

Pan di spagna:
Ingredienti:

  • – 150 gr di farina 00- 150 gr di zucchero- 6 uova

    – 70 gr di cacao amaro in polvere

    – frutta secca di proprio gusto

  • – 1 bustina di lievito- 1 bustina di vanillina- 1 pizzico di sale


Preparazione

In una capiente ciotola sbattete a lungo le uova con lo zucchero ed un pizzico di sale fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Setacciate a parte la farina e il cacao per evitare che si formino fastidiosi grumi e poi aggiungeteli lentamente nella ciotola. Unite poi anche il lievito e la vanillina e mescolate bene aiutandovi con la frusta elettrica alla velocità minima.

Imburrate e infarinate uno stampo e versateci il composto. Ricordatevi che più lo stampo sarà di dimensioni ridotte, più il vostro pan di Spagna sarà alto. A questo punto non resta che metterlo a cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti. Il vostro dolce sarà pronto quanto sarà ben gonfio anche al centro ma per essere più sicure potete sempre ricorrere alla prova dello stecchino. Una volta ottenuto il pan di Spagna, toglietelo dal forno, aprite lo stampo e fate raffreddare.

 A CASA NOSTRA E’ VIETATA LA NUTELLA ,(oltre all’olio di palma ha un basso contenuto di nocciole: solo il 13% sul totale degli ingredienti). in genere usiamo altre creme alle nocciole, preferiamo quelle equosolidali….
in alternativa potete anche farvela da soli
https://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/19358-nutella-fa-male-alla-salute

Crema alle nocciole:
Ingredienti:

  • 150 g di nocciole tostate e spellate
    100 g di zucchero (o miele)
    200 g di cioccolato fondente in piccoli pezzi
  • 160 ml di latte
    90 ml di olio extravergine d’oliva o di semi di arachidi
    Nel mixer tritate le nocciole e lo zucchero fino a formare un composto molto friabile. Unite i pezzetti di cioccolato fondente e continuate a tritare finché non otterrete un impasto simile alla farina.In un pentolino versate il latte e l’olio e fate cuocere a fiamma bassa. Se avete optato per il miele al posto dello zucchero, questo è il momento di unirlo. Mescolate per un minuto in modo da far amalgamare bene il tutto e poi aggiungete il composto di nocciole e cioccolata continuando a mescolare senza mai arrivare a bollore. Dopo una decina di minuti circa, la vostra crema di nocciole al cioccolato sarà pronta: versatela in un vasetto di vetro sterilizzato con chiusura ermetica e lasciate freddare. Ricordatevi di conservarla in frigorifero.Se siete particolarmente golosi, oltre al cioccolato fondente o al latte potete utilizzare anche del cioccolato bianco, mischiandolo alla ricetta base. Per una crema di nocciole ancora più alternativa e buona, potete scegliere anche solo il cioccolato bianco e aggiungere all’impasto un cucchiaino di vaniglia: i bambini ne andranno ghiotti!

    Crema ganache al cioccolato per ricoprire la torta.
    Ingredienti:

    • – 250 ml di panna da montare- 200 gr di cioccolato fondente
    • – 2 cucchiai di zucchero- 50 gr di burroPreparazione:
      Versate la panna in un pendolino e aggiungete una noce di burro e lo zucchero: mettete sul fuoco a fiamma bassa e, mescolando con un cucchiaio di legno, attendete che arrivi quasi a bollore.

      Versate quindi nella panna il cioccolato tritato e continuate a mescolare fino a quando non sarà un composto omogeneo e lasciate riposare.

      Quando la crema si sarà raffreddata, prendete uno sbattitore elettrico e montate per circa 8 minuti, fino a quando non avrà raggiunto una consistenza cremosa e soffice.

      Assemblate il tutto con fantasia e…..gustatela!