Volevo seguire la tradizione e andare “a ovi” ma non c’era nessuno.

Voglia di andare “a ovi” non soddisfatta.

carnevaldemuja64

Incontri…

Siccome dovevo andare a Muggia per forza stamattina, mi è sembrata l’occasione buona per andare ” a ovi”dopo anni(Antica questua di gruppi mascherati nelle case e nelle trattorie del centro storico e dintorni di Muggia) ma così non è stato.
Non c’era nessun gruppo mascherato in giro,nessuna banda, nessun strumento, solo qualche bambino in peluche, degli amici reduci di ieri(ogni commento a persone o cose è puramente casuale) e tanti anziani che si godevano il caldo sole primaverile.

Un giretto sul molo, una chiacchiera di qua e una di là, l’argomento principale era logicamente la classifica dei carri di ieri. I commenti positivi ma anche discordi, si cerca di capire la logica del ragionamento della giuria…..ovviamente, chi vince, ha il sorriso stampato sulla faccia

Faccia da Vincitore 1 Brivido !

e si riconosce dalla felicità.Partecipare e collaborare sono le cose principali ma anche vincere aiuta a godersi di più questi ultimi due giorni, diciamocelo!
Se non andavo in centro stamattina mi sarei guardata la sfilata per poter dire anch’io la mia opinione, poco ho visto ieri per poter giudicare.

Niente a ovi…peccato e sarebbe anche poco furbo dimenticare questa tradizione. Lo so che si è stremati dalla domenica di sfilata, ma anche trovarsi con la luce del sole è divertente, magari verso el 12….giretto/questua fin l’una e poi tutti a pranzo assieme. Le volte che ci sono riuscita a fare un lunedì così mi sono sempre divertita tanto, una volta siamo finiti in Carso con la nostra banda, non ricordo bene dove ma festa grande con musica.
E il lunedì è anche una serata molto intima, nel senso che è dei muggesani, chi riesce a superare bene la domenica cerca di godersi il lunedì, finito lo stress dei preparativi e lo sforzo dello sfilare si ci si ritrova a festeggiare veramente anche discutendo alle volte ma senza più competizione (e cmq le simpatie e antipatie sono umane). Perciò bypasso il pomeriggio con la Frittata Gigante in Piazza Marconi e scendo verso le 19 come una volta (quando scendevo anche verso le 20 perchè prima dovevo numerare tutti gli scatti fatti in sfilata il giorno prima, si lavorava). Mentre ripristiniamo questa tradizione direi anche di riproporre i  “Blues Brothers”…che ne dite?
Gallery del lunedì mattina

Il Carnevale nel Costume, mostra della Bulli e Pupe al Museo Carà.

Difficilmente si può scordare il 2004 , 3 domeniche di pioggia battente, una in aprile.
Niente sfilata con quel tempo avverso! Ma ho un ricordo simpatico con i ragazzi della Bulli e Pupe e la loro allegria.

#Carnevaldemuj64

2004 Unico caso di Sfilata rimandata.DIGITAL CAMERA

Ricordo che volevo dedicarmi al video e bazzicare con il montaggio su pc, ne è venuto fuori un video con una regia terribile, effetti ancora peggio ma una cosa nuova. Adesso siamo abituati a filmarci in pubblico e a farci riprendere, quella volta ancora no, 13 anni fa era una novità anche fastidiosa, soprattutto la sera tardi quando si è all’apice della festa. Appena riesco a dividerlo lo pubblicherò perchè è allegro se pur molto kitsch. Nel cd c’è qualche secondo proprio con dei ragazzi di questa compagnia. In giro sotto la pioggia cantando a gran voce “noi no molaremo mai” (noi non molleremo mai). Il nostro spirito che seppur deluso dal non poter metter in mostra il lungo lavoro dei mesi prima non si arrende del tutto e va a divertirsi in giro!
E’ bella la mostra dei Bulli e Pupe perchè mostra l’evoluzione del costume e , soprattutto, di questa compagnia che, in questi ultimi due anni, ha dato il meglio di sè. Vale una visita perchè i costumi sono ben disposti e si vedono i particolari, soprattutto per chi non conosce i nostri costumi, un angolo di storia.
www.carnevaldemuja.com per conoscere meglio questa compagnia e quello che presentano quest’anno.

Buona serata…
finiti i vestiti, domani prove generali e poi organizzazione logistica trasferimenti e orari…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Risotto di mare alla Mandrioi.

Ricetta dei Mandrioi

Un risotto di mare sopraffino mentre si costruiscono i carri del Carnevale.

Qualche giorno fa ho parlato del capannone,dove si costruiscono i carri del nostro carnevale ,un’officina magica, e ho promesso che mi sarei dedicata a descrivere questo luogo ed il suo laborioso popolo che, per qualche mese all’anno, dedica tanto tempo ed energia alla realizzazione di un evento che fa parte del nostro DNA.
E’ un impegno notevole, nessuno ti paga, ci sono anche dei disagi, ore e ore al freddo, possiamo solo dire che è una grande passione (il divertimento viene dopo, nei giorni clou della manifestazione).
Si fanno anche dei sacrifici nelle famiglie, si scombussolano orari ed abitudini e per aiutarsi ad affrontare tutto questo che si fa? Si mangia e si beve in compagnia! Le calorie del cibo riscaldano il corpo e anche la mente, sedersi attorno ad una tavola inventata al momento con un buon piatto di cibo caldo e un bicchiere di vino rilassa, ridere e scherzare assieme fa bene e ti da l’energia necessaria per tornare poi a saldare ferro, far cartapesta e tutto il resto.
Ma cosa si mangia in capannone, dove si cucina in quel caos fatto da mille materiali ed ingombri? Qualche compagnia ha la sua cucina privata , nascosta in un angolo ma ben equipaggiata.

“Tutto nasce nel dicembre 1972 da un gruppo di amici che, dopo la notte di capodanno, volle organizzare una “matada” per divertirsi a carnevale……..a rallegrare questa questa colorata allegria sta il piacere di mangiare e bere assieme”
Si presenta così la Compagnia dei Mandrioi sul libretto informativo del 64° Carnevale Muggesano e la loro cucina ha tutto quello che serve per creare ottimi piatti oltre che la fortuna di alcuni “vecchietti” (come hanno detto loro) che amano cucinare.
Così stamattina ho fatto una puntatina per vedere cosa avevano in programma e ho fatto molto bene perchè stavano preparando un risotto di pesce veramente degno di MasterChef , peccato che su un blog non si possano sentire il gusto ed il profumo!

Carnevale di Muggia

L’angolo dello chef

Domenica mattina, capannone con tanta gente che lavora, i carri sono ancora allo stato embrionale, qualche pupazzo incartato qua e là, qualcosa già da pitturare….c’è fermento.
Come sempre mi fermo a chiacchierare di qua e di là, mi sento proprio a casa con la mia gente, basta poco per una battuta ed una risata.

Carnevale di Muggia.

Si inizia a cucinare….

Le compagnie hanno sempre lo stesso posto, entri e ti trovi la Brivido a destra, poi passo dai miei trottolini e finita la rassegna di tutte 8 annuso un buon odore di aglio soffritto che mi dice che i cuochi dei Mandrioi sono all’opera.
In cucina sono in 3, ognuno con il suo compito. Chi taglia le seppie e i calamari, chi prepara il soffritto…tutti ben affiatati.

Malvasia "de casa" come diciamo noi quando si tratta di vini di piccole campagne.

Malvasia “de casa” come diciamo noi quando si tratta di vini di piccole campagne.

Mi offrono subito un buon bicchiere di Malvasia fatta in casa a San Giuseppe della Chiusa (Ricmanje in sloveno e in tedesco, una frazione del comune di San Dorligo della Valle) che mi riscalda. E’ in una bottiglia di plastica, molto utile per togliere l’aria e le chiacchiere continuano finchè , a risotto quasi pronto, si prepara la tavolata.

Si prepara la "sala" da pranzo.

Si prepara la “sala” da pranzo.

Si spostano: un carro, tavoli con vernici, secchi di colla con pennelli; si pulisce il pavimento e si posizionano due tavoli da sagra con le panche. In 10 minuti tutto è pronto e “gli operai” possono sedersi e gustare il risotto che emana un odorino veramente invitante. Mi ritrovo seduta con loro con una ciotola fumante e una forchetta di plastica che mi si rompe subito (sarà stata la foga dell’assaggio?) e mi gusto un piatto che, se messo in un servizio di design e su una tavola di un ristorante di lusso, non sarebbe potuto esser più buono!
Buon appetito!

La ricetta di Risotto di Mare dei Mandrioi
Ingredienti:
seppie
calamari
code di scampi
gamberetti
vongole
mascarpone
panna da cucina
olio extravergine d’oliva
aglio
brodo di pesce
prezzemolo
limone
Non metto le dosi perchè è a vs discrezione e gusto.

Soffriggere degli spicchi d’aglio nell’olio e buttarli via quando sono dorati.
Aggiungere per prime le seppie tagliate a striscioline e fare rosolare, poi, nell’ordine sempre soffriggendo un po’, i calamari (tagliati a striscioline), le code di scampi, i gamberetti e, per ultime le vongole.
Versare il riso mescolando in modo da amalgamare bene il tutto.
In una pentola a parte si sarà fatto bollire dell’acqua con un dado di pesce che verrà aggiunto a mestoli, pian piano, durante la cottura del riso.
Quando il riso è quasi fatto, aggiungere del mascarpone e della panna da cucina (sempre a vs discrezione), chiudere il fuoco, aggiungere un po’ di prezzemolo. Servire.
Il limone si spruzzerà all’ultimo momento, una mescolatina e ……sentirete che bontà!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Anticipazioni sul libretto del Carnevale.

Buona domenica,
manca poco più di un mese al 23 febbraio e non ho ancora iniziato a fare il mio vestito per la più bella sfilata di Carnevale del Mondo (per me e non solo) , quest’anno mi cimento con la gommapiuma e stanotte i miei sogni erano pieni di numeri, righelli, proporzioni , forbici , colle e stoffe….per un semplicissimo abito da tulipano della Lego Duplo Creative (sono una trottolina e nei prossimi giorni vi parlerò delle compagnie che compongono questo carnevale unico nel suo genere e i temi presentati quest’anno)….- Qualche foto  di anni fa
In questi giorni , la maggior parte delle case, si stanno trasformando in laboratori di sartoria ed officine e , nel grande capannone di via di Trieste i carri che sfileranno domenica 26 febbraio sono ancora delle strutture da plasmare e creare, siamo nel pieno delle saldature del ferro che poi verrà ricoperto , elaborato, fino al risultato finale da portare in strada.
Provate ad immaginare un teatro a cielo aperto, 8 compagnie con un tema diverso ognuno che crea uno spettacolo che si muove lungo il percorso della sfilata. Non semplici carri con mascherette che ballano come a Viareggio, non personaggi barocchi e dai volti coperti come a Venezia , per citarne solo 2 due di carnevali famosi nel Mondo, ma circa 2.000 persone che inscenano tante commedie divertenti su temi che ogni anno sono diversi e variopinti. Le nostre maschere sono elaborate, studiate nei minimi particolari, si usano tanti materiali, da anni ci siamo specializzati nel realizzare qualcosa di originale. (se scorrete un po’ qua sotto troverete una descrizione completa con immagini di come interpretiamo questa grande festa).
Oggi vi presento le prime due pagine del nostro libretto del programma che presto verrà stampato : Il saluto del nostro Presidente Mario Vascotto e quello della Madrina Silvija Stibilj, campionessa mondiale di pattinaggio, nell’attesa di farmi rilasciare un’intervista ad hoc solo per The Foodie.
Se mi seguirete vi farò veramente venir voglia di venire a trovarci in quei giorni, far festa è una nostra specialità e, per una settimana, non esistono differenze di età o ceto sociale, tutti amici che si divertono assieme! Muggia si trasforma in un’immensa festa , nel centro storico dalle sembianze veneziane si balla, si canta, si scherza e si ride dimenticando per qualche giorno le fatiche e le pesantezze della quotidianità!
Per qualsiasi informazione, non esitate a contattarmi, sarò felice di darvi tutte le notizie che volete.
Il carnevale lo trovate anche su :
Facebook

Mario e la sua Elena.

Mario ricorda Luciano Tremul ….

La campionessa mondiale di pattinaggio!

Una madrina ….campionessa!