La casa del Panino , la Cotoletta alla milanese e altre cose golose.

Buon pranzo!
Ho avuto modo di conoscere Alessandro de La Casa del Panino di Via Foscolo, un laboratorio artigianale di panini per asporto e domicilio in piena città. In cucina con Cristopher che prepara hamburger al momento, panini , crepes e mega cotolette alla milanese, tutto ben sincronizzato e decisamente gustoso. La cotoletta con rucola pomodorini e grana, accostamento strano con la cotoletta impanata (sottile, sottile , ma grande), decisamente originale nel gusto, mi è piaciuta e  ho pensato che , qualche volta, fa bene anche dimenticare le diete…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pasquetta di relax e revival anni 80 con una pasta alle fragole.

Finita anche Pasquetta, il tempo ha tenuto e adesso ci saranno code ai confini per il rientro e son proprio contenta di essere a casa.Una Pasqua un po’ nostalgica ma molto serena, sono stata brava anche con il cibo, a parte la cioccolata e mi sono presa un po’ di tempo anche per me, un relax mentale che è andato in giro per ricordi.
Non so perchè ma mi sono tornati in mente gli anni 80 con tutte le prime stranezze che apparivano nei locali. Tanta panna dappertutto, grassi intrugli e nello stesso tempo nasceva la cucina vegetariana, aprivano i ristoranti esotici, un periodo decisamente pieno di contraddizioni.La prima cosa “strana” che ho mangiato in quei anni è stata la pasta alle fragole, ricordo che eravamo al Ristorante Città di Cherso in Via Cadorna a Trieste e ho voluto provare questo gusto così diverso dal solito. Non ne sono rimasta entusiasta ma ogni tanto mi piace, una volta all’anno, quando ci sono le fragole più buone,
Ripensando a quegli anni mi vengono in mente i must: tortellini, panna, prosciutto e piselli, decisamente invernali, le penne alla vodka, i gamberetti in salsa rosa come antipasto e le orecchiette alla Baffo. La cucina si è molto alleggerita da allora, c’è più attenzione per la salute fortunatamente senza dover rinunciare al gusto perchè anche il palato vuole la sua parte.
Avevo le fragole, la panna, yogurt e ancora un po’ di burro perciò ho optato per una fettuccine all’uovo con le fragole, la prossima volta la provo con un altro tipo di pasta che all’uovo non mi ha soddisfatto.
Ecco la mia ricetta senza dosi :
– fragole
– burro
– panna da cucina
– yogurt bianco magro
-noce moscata e/o pepe secondo i gusti, io uso solo un pizzichino di noce moscata perchè non amo il pepe.

Lavare velocemente le fragole sotto l’acqua corrente (così salviamo tutte le proprietà benefiche del frutto). Prendiamo una parte di fragole e frulliamole per un attimo con lo yogurt e un po’ di panna. In un tegame sciogliere lentamente il burro senza farlo friggere ed aggiungere la panna rimasta più la salsa frullata. Da parte tagliare a pezzettini le fragole rimaste.

Pasta alle Fragole

Una pasta molto anni 80

Cotta la pasta mettetela nella padella con la salsa e mantecate lentamente per qualche minuto, aggiungete una grattatina di noce moscata e un po’ di sale, in finale prima di spegnere il fuoco mettete le fragole a pezzetti. Mescolare velocemente, spegnere il fuoco e portare presto a tavola, se si raffredda è pessima. Servire con un Vino Rosè Lancers, colonna sonora gli Spandau Ballet e l’atmosfera sarà decisamente vintage 80.
E adesso vado a nascondere la cioccolata dell’uovo di pasqua, buona serata a tutti!

 

Food photography, presto il corso da Eataly.

Buona sera a tutti, finita la latitanza da questo mio piccolo amato spazio dovuta un po’ per qualche acciacco di stagione ma anche perchè mi sono messa a studiare wordpress, a lottare con Google AdSense e preparare un programma primavera/estate veramente interessante !
Oggi vi presento il mio corso di Food and Photography da Eataly  – Riva Tommaso Gulli, 1, 34123 Trieste.
Questo workshop che si terrà il 22 aprile dalle 11 alle 13.30 si colloca nell’ambito di Le Vie delle Foto , un progetto di successo di Linda Simeone che potrete conoscere leggendo il post di luglio 2016 qua nel blog oppure sul sito ufficiale.
Diciamo pure che è il seguito naturale della personale del 2016 quando ho presentato The Foodie nell’Enoteca Santè Wine and Food di Via Trento 5/a . Trieste   che è diventata mostra permanente con mia estrema soddisfazione.
La mia passione per la Food Photo è iniziata qualche anno fa quando ho iniziato a produrre immagini per il mercato dello Stock, a quell’epoca, avevo ospite mia sorella che è un’ottima cuoca e, presto, sommelier (abbiamo grandi progetti assieme per questo blog) e lei mi preparava un sacco di pietanza, quasi tutte vegetariane, che presentavo nel mercato mondiale dell’immagine. Da qui la specializzazione  di “rendere golosa un’immagine”, far venire l’acquolina in bocca a chi guarda e, giusto per darmi un fortissimo input a continuare è arrivato anche un premio a livello internazionale, la vincitrice di  The Foodie EyeEm Awards 2015

Eyeem Awards

The Foodie Eyeem Awards 2015, New York 18 september 2015

con un immagine che rappresenta sempre mia sorella con in mano un finger food al Trieste Mare Morje Vitovska nel Salone degli Incanti.
Mi sono un po’ dilungata con le autocelebrazioni? Forse sì ma mi sembrava giusto far conoscere anche il mio lavoro da professionista visto che come blogger sono ancora alle prime armi, ma come fotografa ho 40 anni esatti di esperienza alle spalle (mi viene un po’ anche da piangere pensando a come è volato il tempo e cambiato tutto nella fotografia)
Ritornando al corso , ma a chi è rivolto? La direzione di Eataly ha preferito dedicarlo a chi usa lo smartphone (ma vi dirò che è un po’ riduttivo perchè sarebbe utile a tutti, sia a chi ha una compattina sia a chi usa la reflex), per chi vuole condividere su Facebook, Instagram o altri social, io aggiungo con sicurezza che sarebbe utilissimo a Food Blogger, Chef, Sommelier, proprietari di negozi alimentari , fotografare cibo e vino in modo da attrarre clienti !!! Perchè un’immagine sbagliata e brutta sul vs sito/social può veramente avere un impatto negativo con il cliente!
Vi insegnerò un sacco di trucchi per rendere le vostre immagini veramente golose!
http://www.eataly.net/it_it/food-and-photography-eve12671Per iscriversi bisogna andare sul sito di Eataly  ! Vi aspetto al 22 aprile!!

Per correttezza riporto il testo della pagina di Eataly
Sei un appassionato di food e fotografia e non vedi l’ora di pubblicare nuove foto sulla tua pagina Facebook o Instagram?Abbiamo la soluzione alla tua passione!Per te, un corso di Food Photography che ti consentira’ di imparare tutti i trucchi dei fotografi professionisti per scattare immagini accattivanti ai tuoi piatti preferitisfruttando a pieno il tuo smartphone.Preparati a foto che faranno venire l’acquolina in bocca a chiunque le guardi!In collaborazione con Le Vie delle Foto.Per maggiori informazioni scrivi a didatticatrieste@eataly.itSe sei socio Slow Food hai diritto al 10% di sconto su tutti i corsi iscrivendoti direttamente in negozio all’Info Point di Eataly.

Se desideri associarti, il costo della tessera e’ di 25 €: puoi farlo a Eataly Trieste.