Natale, Capodanno, fotografia e social. Tanti Auguri a tutti!

Buongiorno!
In genere non mi piace fare gli auguri in anticipo ma, come quasi tutti, i giorni che precedono il Natale sono sempre un po’ incalzanti ed agitati. Bisogna pensare a tante cose: regali, cibo, spesa, ricette…Ci si trova con amici per i brindisi…insomma…il tempo stringe e oggi ho un po’ di tempo per augurarvi di passare questo periodo festivo con gioia e serenità !
Oltre agli auguri vorrei anche fare un pensiero su un argomento importante di questo periodo: la fotografia e la condivisione selvaggia.
Le bacheche sono già piene di alberi natalizi ed addobbi di tutti i tipi, tra qualche giorni ci saranno menù e regali, brindisi e gruppi festosi, vogliamo allora farlo al meglio?
Chi ha seguito i miei corsi di food photography sa che non sopporto proprio la condivisione di orrori che ti fanno passare la voglia di mangiare il cibo fotografato ma,in questo articolo, voglio abbracciare tutto l’insieme delle immagini che verranno condivise, non solo i piatti e mi rivolgo ai meno esperti in fotografia ma entusiasti della condivisione.
Ecco alcune piccole regole da seguire per raccontare i vostri festeggiamenti senza urtare la sensibilità visiva di chi vi segue:
– la LUCE è fondamentale, ricordatelo sempre! Perdete qualche minuto per trovare il posto più luminoso possibile per qualsiasi scatto e, se possibile, perchè non creare in casa dei punti luce già pronti per immortalare i vostri piatti prima di servili in tavola? Basta un tavolinetto o un ripiano con qualche lucetta a led (anche quelle natalizie) per rendere giustizia.
– la COMPOSIZIONE. Quando state per scattare cercate di pensare se l’insieme sarà gradevole, se ci sono elementi di disturbo spostateli (portaceneri, mozziconi e rimasugli sporchi sulle tavole, ad esempio, sono cose che rovinano irrimediabilmente le vostre immagini)
– l’ORIGINALITA’ , date un tocco diverso ai vostri scatti usando la fantasia, cambiando modo di inquadrare ad esempio, usare altri punti di vista
Se seguirete questi 3 semplicissimi consigli vedrete già delle differenze, credetemi.
Argomento di rilievo anche SELFIE E GRUPPI !
Tanti tanti anni fa non c’erano tante macchine fotografiche e si chiamava il fotografo per fare i bambini sotto l’albero, ricordo mio papà che correva di casa in casa con la sua Leica e le belle foto in bianco e nero che stampava mio zio ..BELLE..sì belle anche se la tecnologia era ben lontana dai traguardi odierni (sto parlando degli anni che vanno dal 50 al 70). E allora perchè oggi siamo circondati da ricordi che raccontano male quel momento? Perchè non c’è cura, tutto qua…scatti ossessivi e compulsivi che trasmettono tanto caos. Anche qua mettiamoci un pò di cura, prepariamo prima, se siamo in casa, un angolo per scattare i nostri ricordi con le persone che amiamo, armiamoci di asta per selfie se dobbiamo fare dei gruppi , sarà utilissima  e , per piacere,non atteggiamo la bocca a culo di gallina che è nauseabondo, cosa c’è di più bello di un sorriso?!
Ancora qualcosa di importante: evitate di scattare quando si mangia a meno che non ci sia una situazione che richieda ironia e magari qualche scherzetto. Fermare il momento della masticazione, in genere, non è ben accetto dai “modelli” soprattuo se sono signore di una certa età (dai 40 in su). La masticazione stravolge i lineamenti e…invecchia tantissimo! Se non volete farvi odiare dai vostri amici/parenti non postate nulla che imbruttisca una persona (chiedete almenoo il consenso se avete dei dubbi):
Infine ma non meno importante la PRIVACY DEI BAMBINI.
Quando postate foto di pargoli e adolescenti mettete la privacy di facebook su AMICI e non pubblica! Se i bambini non sono vostri CHIEDETE SEMPRE IL PERMESSO A TUTTI 2 I GENITORI,  e se non sapete chi sono NON pubblicate mai (potreste ritrovarvi con una denuncia). Sappiamo bene quanti deviati che aspettano solo di rubare le vostre immagini per scopi poco morali ci sono in giro!!!
Adesso vi lascio che devo preparare il mio specialissimo menù della Vigilia che sarà…Indian Style (e poi vi darò  le ricette e vi bombarderò anche con le foto)! Perchè indiano? Così…perchè avere in famiglia una vegana e un vegetariano lasciava poco spazio alle nostre tradizioni locali e così ho deciso: India!!!!
Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti!

Albero di Natale

Brutta foto di addobbi da non copiare

Il Pandoro,il dolce di Natale per eccellenza!

Manca più di un mese al Natale ma gli scaffali dei discount sono già pieni di pandoro e panettoni di tutte le marche, addobbi natalizi, luci e i primi abeti fanno capolino in certe piazze (perlomeno a Trieste). Personalmente lo ritengo prematuro ma sappiamo come funziona il commercio e l’economia perciò mi adeguo ed inizio proprio dal Pandoro.
Come da tradizione dell’alimentazione italiana che si basa sulle tradizioni locali, anche il pandoro ha la sua origine geografica specifica, infatti la città di Verona lo riconosce come alimento tipico e tradizionale. Le origini non sono ben chiare, ma secondo alcuni sarebbe nato in Austria ai tempi dell’impero Asburgico, dove si produceva il cosiddetto “Pane di Vienna”, probabilmente derivato a sua volta dalle brioches francesi; fin dal ‘700/’800, infatti la tecnica per ottenere questo pane era molto conosciuta, la sua lavorazione prevedeva di completare l’impasto aggiungendo una maggiore dose di burro (come si fa per la pasta sfoglia) con il risultato che, durante la cottura il dolce acquisti volume…Secondo altri, invece, deriverebbe dal “Pan de oro”, un dolce ricoperto completamente di sottili foglie di oro zecchino (da cui probabilmente il nome attuale) che veniva servito sulle tavole dei più ricchi veneziani.
Le origini, comunque, più accreditate, sarebbero quelle secondo le quali il pandoro deriverebbe dal “Nadalin” un dolce a forma di stella che per tradizione le famiglie veronesi preparavano per Natale…è probabile, comunque, che nell’ideazione di questo dolce ci sia stata anche la collaborazione dei pasticceri austriaci, molto impiegati nelle pasticcerie più importanti di Verona. Creato nel 1260 per festeggiare il primo Natale dopo l’investitura dei nobili Della Scala e dei Signori di Verona, inizialmente costituito da un tronco a stella con 8 punte e non troppo alto ricoperto da una glassa,   Intorno alla fine dell’Ottocento, il dolce cambiò forma, venne alzato, le punte ridotte a 5 e la glassa eliminata… Cambiando anche il suo nome in “Pandoro”.

In ogni caso, qualunque sia stata la sua origine, nel 1894 fu brevettata la ricetta da Domenico Melegatti, che  brevettò anche lo stampo dalla forma caratteristica… un’altra versione, vuole invece che, sì Melegatti brevettò la ricetta del panettone, ma che lo stampo fosse disegnato dal pittore impressionista Angelo Dell’Oca Bianca, che lo disegnò con il corpo a forma di stella a 8 punte.
Una cosa è abbastanza certa: il nome Pandoro deriva proprio dal colore dorato di questo dolce, dato dalla presenza, nell’impasto, di una gran quantità di uova.
Fra gli ingredienti del pandoro si annoverano: Farina, zucchero, uova, lievito, burro e burro di cacao. La tecnica di preparazione è estremamente complessa e si svolge in più fasi consecutive, con molte ore di lavoro dietro.
La ricetta originale del pandoro non prevede che questo venga guarnito internamente con creme o canditi, anche se col tempo le case produttrici hanno cercato di ampliare la loro offerta  variando le loro ricette, facendo nascere così  diversi tipi di pandoro: da quello farcito al cioccolato a quello alla crema, o ancora a quello ricoperto di glassa.
Il classico di oggi, è però quello senza farcitura ricoperto da uno strato di zucchero a velo…

Semplice e ..inimitabile!

Gli ingredienti del pandoro

Gli ingredienti sono semplici: farina, zucchero, uova, lievito, burro e burro di cacao. Il gusto è altrettanto semplice nella sua descrizione: fantastico. Nello specifico:

  • 450 grammi farina 00
  • uova
  • tuorli d’uovo
  • 140 grammi zucchero
  • 170 grammi burro
  • 100 ml latte
  • bacca di vaniglia
  • 1 pizzico sale
  • 20 grammi lievito di birra

La ricetta originale del pandoro

Gusto ed ingredienti semplici non corrispondono affatto ad una lavorazione veloce e facile. Al contrario, la preparazione del Pandoro è decisamente lunga, con molte fasi di lavorazione.

Si inizia con un impasto di zucchero, lievito, uova e farina che va lasciato lievitare per almeno due ore. All’aggiunta di burro, altra farina, altre uova e altro zucchero, segue una secondo periodo di lievitazione di altre due ore. L’impasto va a questo punto ulteriormente lavorato, steso e piegato; vanno aggiunti altri ingredienti e va fatto riposare per trenta minuti.

Una quarta lavorazione precede un ulteriore riposo di trenta minuti. Solo dopo la lievitazione nello stampo imburrato (ancora 30-60 minuti) è finalmente il tempo di infornare per una quarantina di minuti a 190 e poi, da metà cottura, a 160 gradi.

Un dolce che richiede tanto lavoro, insomma, ma che donerà, una volta raffreddato e cosparso, a piacimento, di zucchero a velo, un gusto e un aroma unici.