Pasta di farina di piselli al pesto di peperoni.

E’ l’ultima novità in fatto di fusill e compagnia bella: pasta ai legumi!
Con tutte le intolleranze che ci sono in giro, i pastifici si stanno ingegnando ad inventare alternative che abbiano anche un buon sapore e la pasta di farina di piselli è prodotto recente ma già abbastanza di successo, per le sue qualità nutrizionali e anche perché porta in tavola una gustosa alternativa alla “solita” pasta.
100% farina di piselli verdi, ricca di proteine e fibre e senza glutine! Quando l’ho vista sugli scaffali del supermercato ho pensato subito che dovevo provarla, soprattutto perchè i fusilli sono uno dei miei formati di pasta preferiti.
Ovviamente avevo i miei dubbi sulla bontà e ho provato ad assaggiarla al naturale con solo un filino d’olio d’oliva: un sapore deciso e gustoso, diciamo solo che la consistenza è diversa da quella del grano, unica pecca.
Dal punto di vista calorico, i numeri fra una pasta e l’altra non cambiano: quella di legumi ha, come quella di semola, circa 350 calorie per 100 g. Ciò che cambia sono le sostanze che apportano energia: proteine per circa il 20%, mentre i carboidrati sono intorno al 50%. Il resto sono soprattutto fibre.
Ho dato alla cuoca di casa il compito di trovare un condimento adatto e Sister ha creato questo piatto veramente gustoso che abbiamo accompagnato con un Il Lugana DOC 
Pesto di peperoni con la pasta di piselli.
Soffriggere cipolla e aglio con qualche foglia di alloro.
Aggiungere i peperoni e cuocerli fino a che diventano morbidi , togliere le foglie di alloro.
Frullare il tutto , aggiungere qualche fogliolina di menta e voillà il pesto è pronto!!
Nel frattempo avrete cotto la pasta , scolatela e unitela mescolando bene !

Abbiamo abbinato tutto ad un vino Lugana DOC
 un vino bianco prodotto a cavallo tra Lombardia e Veneto in prossimità della sponda meridionale del lago di Garda, tra le province di Brescia e Verona. La vite è presente nella zona pressoché da sempre: sono stati ritrovati alcuni resti presso le palafitte di Peschiera del Garda che risalgono all’età del bronzo.
Il poeta romano Catullo, originario di Verona e proprietario di una villa a Sirmione le cui rovine sono visibili ancora oggi, cita nelle sue opere il vino retico.
Anche il re dei Goti Teodato era un estimatore del vino prodotto nella zona.
Tornando a tempi più recenti, il vino Lugana ha ottenuto la DOC nel 1967, e nel 1990 è nato il Consorzio di tutela.
Buon appetito!