Natale, Capodanno, fotografia e social. Tanti Auguri a tutti!

Buongiorno!
In genere non mi piace fare gli auguri in anticipo ma, come quasi tutti, i giorni che precedono il Natale sono sempre un po’ incalzanti ed agitati. Bisogna pensare a tante cose: regali, cibo, spesa, ricette…Ci si trova con amici per i brindisi…insomma…il tempo stringe e oggi ho un po’ di tempo per augurarvi di passare questo periodo festivo con gioia e serenità !
Oltre agli auguri vorrei anche fare un pensiero su un argomento importante di questo periodo: la fotografia e la condivisione selvaggia.
Le bacheche sono già piene di alberi natalizi ed addobbi di tutti i tipi, tra qualche giorni ci saranno menù e regali, brindisi e gruppi festosi, vogliamo allora farlo al meglio?
Chi ha seguito i miei corsi di food photography sa che non sopporto proprio la condivisione di orrori che ti fanno passare la voglia di mangiare il cibo fotografato ma,in questo articolo, voglio abbracciare tutto l’insieme delle immagini che verranno condivise, non solo i piatti e mi rivolgo ai meno esperti in fotografia ma entusiasti della condivisione.
Ecco alcune piccole regole da seguire per raccontare i vostri festeggiamenti senza urtare la sensibilità visiva di chi vi segue:
– la LUCE è fondamentale, ricordatelo sempre! Perdete qualche minuto per trovare il posto più luminoso possibile per qualsiasi scatto e, se possibile, perchè non creare in casa dei punti luce già pronti per immortalare i vostri piatti prima di servili in tavola? Basta un tavolinetto o un ripiano con qualche lucetta a led (anche quelle natalizie) per rendere giustizia.
– la COMPOSIZIONE. Quando state per scattare cercate di pensare se l’insieme sarà gradevole, se ci sono elementi di disturbo spostateli (portaceneri, mozziconi e rimasugli sporchi sulle tavole, ad esempio, sono cose che rovinano irrimediabilmente le vostre immagini)
– l’ORIGINALITA’ , date un tocco diverso ai vostri scatti usando la fantasia, cambiando modo di inquadrare ad esempio, usare altri punti di vista
Se seguirete questi 3 semplicissimi consigli vedrete già delle differenze, credetemi.
Argomento di rilievo anche SELFIE E GRUPPI !
Tanti tanti anni fa non c’erano tante macchine fotografiche e si chiamava il fotografo per fare i bambini sotto l’albero, ricordo mio papà che correva di casa in casa con la sua Leica e le belle foto in bianco e nero che stampava mio zio ..BELLE..sì belle anche se la tecnologia era ben lontana dai traguardi odierni (sto parlando degli anni che vanno dal 50 al 70). E allora perchè oggi siamo circondati da ricordi che raccontano male quel momento? Perchè non c’è cura, tutto qua…scatti ossessivi e compulsivi che trasmettono tanto caos. Anche qua mettiamoci un pò di cura, prepariamo prima, se siamo in casa, un angolo per scattare i nostri ricordi con le persone che amiamo, armiamoci di asta per selfie se dobbiamo fare dei gruppi , sarà utilissima  e , per piacere,non atteggiamo la bocca a culo di gallina che è nauseabondo, cosa c’è di più bello di un sorriso?!
Ancora qualcosa di importante: evitate di scattare quando si mangia a meno che non ci sia una situazione che richieda ironia e magari qualche scherzetto. Fermare il momento della masticazione, in genere, non è ben accetto dai “modelli” soprattuo se sono signore di una certa età (dai 40 in su). La masticazione stravolge i lineamenti e…invecchia tantissimo! Se non volete farvi odiare dai vostri amici/parenti non postate nulla che imbruttisca una persona (chiedete almenoo il consenso se avete dei dubbi):
Infine ma non meno importante la PRIVACY DEI BAMBINI.
Quando postate foto di pargoli e adolescenti mettete la privacy di facebook su AMICI e non pubblica! Se i bambini non sono vostri CHIEDETE SEMPRE IL PERMESSO A TUTTI 2 I GENITORI,  e se non sapete chi sono NON pubblicate mai (potreste ritrovarvi con una denuncia). Sappiamo bene quanti deviati che aspettano solo di rubare le vostre immagini per scopi poco morali ci sono in giro!!!
Adesso vi lascio che devo preparare il mio specialissimo menù della Vigilia che sarà…Indian Style (e poi vi darò  le ricette e vi bombarderò anche con le foto)! Perchè indiano? Così…perchè avere in famiglia una vegana e un vegetariano lasciava poco spazio alle nostre tradizioni locali e così ho deciso: India!!!!
Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutti!

Albero di Natale

Brutta foto di addobbi da non copiare

Tergeste, gli incanti del gusto e la fotografia di cibo.

Dal 24 al 27 novembre Trieste è diventata la città del gusto!
Un Concorso Internazionale di Cucina.
Un Concorso per i giovani delle scuole alberghiere.
Una fiera alimentare con espositori del territorio e non solo.
Show cooking.
Un ristorante.
Eventi, incontri e tanto altro….di cui anche il mio workshop di Food Photography da smartphone e non solo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella gallery qua sopra ci sono dei momenti di questa manifestazione, la prima nel suo genere a Trieste. Diciamo pure che ero concentrata sul mio intervento nell’Auditorium del Salone degli Incanti, luogo che mi ha messo soggezione dato che non sono abituata ad insegnare in un luogo così prestigioso (in fin dei conti mi sono seduta sul posto occupato da Sgarbi poco tempo fa). Far parte di un evento così mi ha proprio inorgoglito e non posso che ringraziare l‘Associazione Cuochi di Trieste e Le Vie delle Foto che hanno riposto fiducia nella mia professionalità, ci ho messo l’anima e il mio piccolo sapere e, credo, di aver colpito nel segno e aver trasmesso amore per il mio bel mestiere e passione.
Qualcuno mi ha chiesto cosa aveva a che fare la fotografia con una fiera alimentare e vi dirò che sono importantissime! Chi non usa le immagini oggi come oggi? Come puoi descrivere il tuo prodotto se non con una foto accattivante? Ecco allora che l’immagine diventa un veicolo basilare per la promozione oppure per il semplice piacere di condividere un istante….
Vi propongo il prologo del mio corso e , dalla prossima settimana, posterò lezioni tecniche per darvi una piccola mano! Buona lettura!

Le foto di cibo non sono come le altre
Cibo, ricette, chef famosi, vino, somellier, alimentazione, salute. Veniamo bombardati da immagini di cibo e bevande in continuazione e fa venir voglia di scattare e condividere. Il cibo è colore, forme, ombre, luci, creatività ed è affascinante, fotogenico, anche con lo smartphone. Fotografare bene il cibo da soddisfazione personale e se riesci a far venire l’acquolina in bocca a chi guarda l’immagine allora hai fatto un buon lavoro.
Che tu sia un food blogger, un cuoco o semplicemente un buongustaio, resta il fatto che ormai lo scatto davanti al piatti, padelle e forni è un’abitudine consueta e piacevole.
Nonostante la passione, però, molti di voi si saranno chiesti almeno una volta:perché i miei scatti non vengono mai come quelli delle campagne pubblicitarie?La postproduzione fa miracoli, certo, ma ci sono dei trucchi che i fotografi professionisti utilizzano al momento dello scatto che agevolano di molto il loro lavoro e, neanche a dirlo, il risultato finale!
la maggior parte dei piatti fotografati nelle riviste risulta nella realtá immangiabile Molti ingredienti ad esempio non devono essere cotti come da ricetta ma molto meno; pasta, pesce, verdure danno il meglio di sè se semi crudi…lucido di scarpe sulla carne grigliata, glicerina sulle bottiglie per l’effetto sudato, purè di patate al posto del gelato, colla al posto del latte nei cereali, bolle di sapone sul latte e caffè al posto della schiuma..per citarne solo alcuni…allucinante vero? Non è questo il nostro caso, non siamo pubblicitari, lo scopo di questo workshop è imparare a scattare delle belle foto con il nostro smartphone ma di cibo vero!
Secondo me il cibo è affascinante: dalle verdure crude, alle ricette più elaborate ci sono forme e colori infiniti e ci sono moltissimi modi per fotografarlo, ognuno può trovare il suo stile, resta fondamentale però sapere delle basi tecniche che ci aiuteranno a sperimentare meglio ed a ottenere risultati migliori.

 

 

Le foto di cibo devono far venire l’acquolina in bocca, consigli su come realizzarle.

Ciao, è da un po’ di tempo che ci sto pensando: e se arricchissi questo blog con delle lezioni su come fotografare il cibo (se non lo sapete sono una fotografa professionista)? Volevo fare una pagina a parte ma con WordPress non mi ci ritrovo tanto (mi sono anche iscritta ad un corso che spero parta presto)perciò oggi la butto qua sul blog…
L’idea di darvi qualche consiglio mi è venuta guardando gli orrori fotografici che vengono postati ogni giorno sui social e non solo, ho visto addirittura brochure con foto scure, con colori rivoltanti, sfocate …insomma…da vomito! Fiorella Macor PhotographyMa vi rendete conto dell’importanza che ha l’immagine che mostra il cibo che presentate? Mi sa che ci sono parecchie persone che lo hanno capito e allora, ok se uno lo fa per proprio piacere personale, ma chi ci lavora con il cibo dovrebbe metterci più attenzione. Una volta si chiamavano i fotografi professionisti, oggi abbiamo una tecnologia alla portata di tutti, ma questo non vuol dire svilire la qualità. Il modo per avere immagini “decorose” non è difficilissimo, bastano un po’ di impegno e degli accorgimenti per fare in modo che il vostro cibo risulti veramente buonissimo!

Oggi vi propongo la presentazione dei miei corsi da Eataly ( (si inizia al 23 settembre a Bologna e al 30 settembre a Trieste per proseguire ottobre, novembre e dicembre con la Tavola di Natale!) In collaborazione con Le vie delle Foto, se avete voglia di seguirmi datemi un segnale: un like alla pagina, l’iscrizione al blog e vedrete che vi darò una buona mano…gratis! Vi aspetto!

Ricette, chef famosi, vino, sommelier, alimentazione, salute. Veniamo

bombardati da immagini di cibo e bevande in continuazione e fa venir voglia

di scattare e condividere. Il cibo è colore, forme, ombre, luci, creatività ed è fotogenico, anche con lo smartphone. Fotografare bene il cibo da

soddisfazione personale e se riesci a far venire l’acquolina in bocca a chi guarda

l’immagine, allora, hai fatto un buon lavoro.

Che tu sia un food blogger, un cuoco o semplicemente un buongustaio, resta il

fatto che ormai lo scatto davanti al piatti, padelle e forni è un’abitudine

consueta e piacevole.

Secondo me il cibo è affascinante: dalle verdure crude, alle ricette più

elaborate ci sono forme e colori infiniti e ci sono moltissimi modi per

fotografarlo, ognuno può trovare il suo stile, resta fondamentale però sapere

delle basi tecniche che ci aiuteranno a sperimentare meglio ed a ottenere

risultati migliori.