Minestra di lenticchie con uno spumante del Collio.

Festa di San Martino ed antichi sapori d’autunno a Muggia, stamattina sono riuscita a fare una capatina e mi sono ritrovata con un bel piatto di minestra di lenticchie in mano offerto dai miei amici di Muja Veg e fatta da Giulia, una loro amica di Chieti, venuta per l’occasione a trovarli. Super gustosa e sana, questa minestra, mi ha proprio conquistato (anche per la semplicità della realizzazione) e trovo giusto condividere con voi la ricetta:
Ingredienti:(le dosi sono quelle per una normale minestra e secondo il vs gusto))
lenticchie 
patate
foglie di cavolo
olio extravergine d’oliva
dado vegetale possibilmente bio
sale qb.
Realizzazione:
Mettete in ammollo le lenticchie la sera prima
Lessatele in acqua e dado vegetale in modo da avere la base della minestra.
In un’altra pentola lessate le foglie del cavolo verde tagliate a striscioline (con il resto del cavolo potete fare una buona pasta il giorno dopo)
Scolate le foglie togliendole con una schiumarola e nell’acqua dove le avete lessate, buttate le patate tagliate a dadini, lessate al punto giusto anche loro, scolate e mettetele nella pentola delle lenticchie con le foglie del cavolo. Mescolate e fate bollire assieme il tutto per 2/3 minuti giusto per amalgamare il gusto. Impiattate e condite con un buon olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale.

Visto che eravamo in festa abbiamo accostato Emily, vino spumante di Luca Fedele..fresco e frizzante…ci stava proprio proprio bene!
Buon Appetito!

 

 

 

Federico Alessio sommelier, blogger, scrittore e i Vini dell’Altro Mondo.

Buongiorno,
Dopo il semi fallimento del mio Terrazzello (Terrazzo/Orticello)  mi è venuta voglia di andare a scuola di agricoltura, il corso organizzato dal Comune di Muggia. A breve vi racconterò di questa bella e non nuova iniziativa per Muggia che è iniziata con una lezione sul vino. Siamo in settembre, il mese dell’uva e, ovviamente, del suo succo prezioso. Paolo Parmeggiani, docente bravissimo anche “for dummies” come me, ci racconta come coltivare le viti e come si fa il vino, un approccio decisamente coinvolgente che si collega perfettamente con l’intervento successivo di Federico Alessio sommelier, blogger e scrittore.
Federico l’ho conosciuto l’altr’anno per San Martino (qui l’articolo) alla presentazione suo libro “Cuore di pietra”, che racconta la storia, le tradizioni e le caratteristiche dei principali vini del Carso triestino attraverso una serie di incontri con gli uomini e le aziende, mi aveva dato una bella carica per il blog (poi, la legge di Murphy ha fatto il suo e non ho fatto molto, ma ci arrivo). Mi piace come scrive e mi è venuto spontaneo seguire Federico che ama definirsi un instancabile esploratore di cantine ed assaggiatore. Proprio qualche giorno fa avevo trovato un evento che ha organizzato:
Giovedì 28 Settembre alle ore 20,30
presso Luca Fedele Winery – Corno di Rosazzo
“BIANCHI DELL’ALTRO MONDO”.
Contattata dalla mia Sister sommelier e trovato un super autista, anche lui sommelier ci siamo organizzati per andare a degustare  questi vini di terre lontane e, dopo la lezione che ha tenuto al Teatro Verdi di Muggia, mi sono fermata a chiedergli qualche notizia su questo evento:
<<A Corno di Rosazzo, nella cornice intima e familiare della sala degustazioni di Luca Fedele, giovane vigneron friulano in vertiginosa ascesa, terremo per tutto l’autunno una serie di eventi incentrati sull’assaggio di vini provenienti dalle più svariate regioni del mondo.

Tale iniziativa si rivolge al folto pubblico di appassionati e winelovers tanto in Friuli che nella Venezia Giulia, ed ha lo scopo di promuovere la conoscenza di prodotti, distretti vinicoli e stili enologici assolutamente differenti da quelli cui siamo comunemente abituati. Si tratta dunque di un invito ad allargare non soltanto il proprio bagaglio di assaggiatori, ma anche i propri orizzonti enoici.

Centrale nella nostra offerta divulgativa è la valorizzazione dei differenti terroir, e di come le stesse uve riescano a esprimersi in modo tanto diverso nelle varie parti del mondo. Le nostre serate sono delle vere e proprie “masterclass” in cui si parla, si interagisce e ci si confronta, e dove ognuno ha spazio e diritto di esprimere, se lo desidera, il proprio punto di vista.

Il primo appuntamento, fissato per giovedì 28 settembre, racconta i “Bianchi dell’Altro Mondo” e rappresenta un’occasione ghiotta per degustare ben cinque vini di quattro continenti diversi: vitigni e stili che mostrano interpretazioni sorprendenti, e che ci auguriamo non mancheranno di interessare il nostro pubblico.>>

..finisco con una frase del mio articolo citato più in alto….non è forse vero?
Buon pranzo a tutti!
Il vino non ha confini, non c’è nazionalismo nel vino. il Vino lega i Popoli …..

se amate il vino ecco il Blog di FedericoAlessio
Federico Alessio Wine and Spirits

 

 

La Cena sotto le Stelle ha raggiunto i suoi obiettivi!

Buona sera,
mi sembra giusto condividere i risultati ottenuti dalla bellissima Cena Sotto le Stelle del 26 luglio 2017 in Piazza Unità di Trieste.Come vi avevo già raccontato è stato…magico e il Sindaco ha detto che diventerà un appuntamento fisso (e se lo dice lui bisogna crederci).
Ecco a voi i ringraziamenti dell’Associazione Cuochi di Trieste e qualche dato!

L’evento Cena sotto le stelle, che si è svolto, con grande successo il 26 luglio in piazza Unità d’Italia, aveva tre obiettivi primari:

la beneficenza;
una raccolta di fondi per l’Associazione cuochi Trieste per promuovere e organizzare corsi per giovani che vogliono avviarsi in questa professione, come era stato specificato in sede di conferenza stampa;
valorizzare, con un evento unico nel suo genere a Trieste, una delle piazze più belle d’Italia.

Tirando le somme, ognuno di questi tre obiettivi è stato raggiunto.

Certo, anche noi avremmo voluto poter donare di più in beneficenza e avere più fondi a disposizione per la formazione dei giovani aspiranti cuochi, ma un evento come quello che è stato organizzato il 26 luglio non ha visto solo tanta buona volontà e tantissima generosità da parte di chi ci ha lavorato e di chi ha partecipato, ma ha dovuto sostenere anche dei costi specifici che potete vedere nella tabella pubblicata.

Ci teniamo però anche a ringraziare un po’ di persone.

Prima di tutto le 202 persone che hanno pagato la cena e chi ha donato quel giorno passando in piazza Unità.

Poi, vanno ringraziati:

il Comune di Trieste, Acegas APS Amga, Vigili del Fuoco, Azienda Sanitaria, Polizia Municipale, Prefettura e Polizia di Stato.

E tutte le persone che hanno messo a disposizione il loro tempo e le loro competenze gratuitamente:

25 cuochi e aiuto-cuochi;
14 sommelier;
22 ragazzi del Gruppo Giovani FIC e delle scuole alberghiere, che ci hanno supportato anche nelle opere di fatica.

Sì, i costi non sono stati esigui. Perché?

Perché molte volte gli sforzi di alcuni per rendere un evento davvero unico, all’insegna del ‘voler fare bene’, non va sempre a braccetto con chi, anche giustamente, per potersi garantire delle entrate per sé e i propri dipendenti, non può ‘regalare’ il proprio lavoro e le proprie materie prime.

Le nostre intenzioni erano più che buone e siamo perfettamente a posto con le nostre coscienze perché sappiamo di aver organizzato una serata unica, quel giorno. E, anche se per alcuni è poco, per altri il ricavato è qualcosa.

Speriamo che nella prossima edizione ci siano più fornitori che possano contribuire in maniera da poter destinare ancora più soldi alle realtà che vorremo sostenere.

Lo speriamo di vero cuore. E ringraziamo ancora tutti quelli che hanno aderito e ci hanno aiutato.

L’Associazione Cuochi Trieste

 

Dolomitiko, birra italiana, bistrot e un arredamento che invoglia.

Apre un altro locale a Trieste, al posto della panetteria pasticceria Romi di Via Torino 30, nella zona della movida del momento.Birreria Bistrot Dolomitiko , Trieste Una birreria Bistrot in uno di quei vecchi palazzi triestini che amo per le loro alte volte, ristrutturato in poco tempo con le idee dell’arredatore Andrea Galbusera che, secondo me, ha fatto uno splendido lavoro.
(la galleria di immagini su
Un flash su Dolomitiko facebook)
Si inaugura alle 17 e Via Torino si anima, si avvicina anche l’ora dell’aperitivo! Entro e la sensazione è di essere alla fine ‘800, primi ‘900. L’entrata con tutti quei fusti di birra e altri strumenti del mestiere illuminano con il loro color argento la muratura volutamente scrostata, e c’è il colore rosso delle scritte che da vitalità. Tutto molto accurato e pensato per un bell’insieme che ha anche dei tocchi di modernità.
In fianco al bancone hai un coridoietto che porta in un’altra bella sala. Bistrot Restaurant Birreria DolomitikoMi colpiscono delle nicchie con dei tavoli ed un soffitto fatto come se fosse una “pergola” (pergolato), i colori virano al verde e si ha la piacevole sensazione di essere in un cortile interno, all’aperto. Qui c’è anche una vetrata molto particolare che da sulla cucina, modernissima ovviamente.
Ancora un corridoietto con il soffitto a “pergola” e si entra nella sala che mi è piaciuta più di tutte “Il Magazzino” , luce e morbidezza, mi hanno fatto pensare a un pomeriggio con le amiche in relax (magari bevendo quel pestato di anguria con un pochino di vodka che mi ha proposto il barman).

La tavola del buffet si riempie di cibo e scopra una delle specialità di Dolomitiko il Crunch, un tipo di focaccia speciale soffice e croccante allo stesso tempo, con formaggio gorgonzola morbido, a vederlo sembravano fette di polenta scura grigliata, invece era una buonissima focaccia, da provare. Ho assaggiato anche un panino di hamburger “fatto in casa”, come sottolinea Pasquale lo Chef, una particolare attenzione alla bontà del prodotto sotto tutti i punti di vista. Spero molto che vengano riproposte le verdure fritte che hanno portato in tavola ieri, non avevano a che fare con quelle in pastella che si trovano a tutte le inaugurazioni e feste, tanta pastella e un pezzetto di verdura all’interno (mi piacciono anche quelle, lo ammetto. A Trieste si dice che : tutto xe bon impanà, anche le siole de scarpe. – tutto è buono con la panatura, anche le suole delle scarpe). Queste verdure erano croccanti e morbide allo stesso tempo, si vedeva cosa mangiavi, non era nascosto, aveva solo una leggera crosticina con farina.Buonissime! Veramente un bel buffet, ben servito, si vedeva professionalità.
Direi proprio che la prima impressione è stata quella di aver a che fare con persone che lavorano con passione, che amano quello che fanno e si rinnovano secondo l’esigenza del momento.
PS: ancora un piccolo episodio di ieri. Ero seduta fuori e mi sono trovata vicino ai giovani studenti che gravitano nella scuola dell’associazione cuochi. Si stavano scambiando informazioni di scuola, compito: la rana pescatrice. Non sono riuscita a sentire tutto il discorso ma il pezzo che ho seguito era interessante. Dovevano studiare le qualità in cucina di questo pesce, non solo a livello gusto ma nutrizionale. Poco ho capito ma credo che, per curiosità, andrò in cerca di qualche notizia. Il bello è stato ascoltare l’interesse dei futuri cuochi, davano l’impressione di essere dei bravi studenti.
Buon pranzo a tutti!

www.facebook.com/thefoodieandevertythingelse/

 

 

Vi racconto la Cena sotto le stelle. Location e sapori che non si possono dimenticare.

Un grande ristorante sotto le stelle con vista mare, attorniato da splendidi palazzi! Trieste, Piazza UnitàQuesta è stata lo scenario che ha accompagnato una cena dai sapori che non dimenticherò facilmente.
sono arrivata alle 17 per seguire il backstage e la preparazione ed il cielo era nuvoloso, grigio, ma il meto scongiurava la pioggia fortunatamente.

Tutto un fervore, i cuochi come formichine preparavano le tavole alla perfezione, gli sponsor preparavano i banchetti e i turisti non potevano fare a meno di entrare nella zona dedicata alla cena scattandosi selfie seduti ai tavoli. Luca Gioiello, uno dei bravissimi chef dell’Associazione Cuochi ha il telefono che squilla in continuazione e dirige il tutto con i suoi colleghi chef come fossero direttori d’orchestra. Trieste, Piazza Unità
Amo Piazza Unità da sempre, col suo sapore Mitteleuropeo e la vista sul mare , preparo il cavalletto, la macchina e mi metto a scattare come se non ci fosse un domani decisa a dare immagini eloquenti di questa location così preziosa.
Pian piano il cielo si apre e mi regala una luce che illumina il Palazzo della Prefettura e ne risalta i suoi decori dorati.
Sotto il Municipio si inizia la distribuzione ad offerta dei panini di Cotto in Crosta offerti dal Salumificio Masè. Il ricavato andrà tutto in beneficenza (se vuoi conoscere la ricetta del Cotto Triestino cerca l’articolo sul blog). Verso le 19 è tutto pronto, dei panieri originalissimi, composti da un enorme panino senza la mollica, avvolto in un tovagliolo, riempito da tante fette di pane e decorato con rosmarino e lavanda attirano la mia attenzione e mi dicono che è ora di andare in macchina a cambiarmi (mi sono organizzata proprio in modo egregio). Quando ritorno vedo che pian pianino arrivano gli ospiti. Un aperitivo li attende, del buon vino delle Cantine Angoris accompagnato da buonissime frittelle alle alghe marine ed origano (Acqua farina lievito alghe e origano). Le mie belle e amiche Hostess, Angela e Linda, in tubino nero e tacchi alti mi indicano il mio tavolo, una postazione bellissima verso il mare, sono proprio curiosa di sapere chi sono i miei commensali ! 10 persone per  tavolo. Appoggio il coprispalle su una sedia e vado a salutare gli amici sommelier che faranno servizio ed il cielo si fa ancora più bello regalandoci un tramonto degno di un quadro.
I tavoli si riempiono, i commensali si presentano e la cena inizia con un antipasto di alici barcolane, melanzane e formaggio del Carso per poi passare  al primo con lasagne preparate con farina di grani antichi e “canoce” (ho ancora il gusto in bocca, se ci penso, un accostamento perfetto). Per secondo un lingotto di baccalà cotto a bassa temperatura con verdurine e scarola, dal croccante crumble alla crema di indivia!
Scatto con fervore nella luce ormai notturna e mi gusto sto tribudio di sapori chiacchierando con i mie commensali, siamo proprio una bella tavolata e facciamo amicizia subito.
Le ore passano in fretta e arriva il momento importante del Guinness mondiale Piazza Unità triestedi una Pasta Crema di 25 metri assemblata sul lungo tavolo preparato per l’occasione. La Carsolina o Zavata è un dolce che non manca mai sulle nostre tavole, soprattutto sul Carso.
E’ affascinante vedere come vengono sistemate le mille foglie, riempite di crema e, in finale, spolverate di zucchero .
25 metri e 80 cm! E’ fatto…è un nuovo Guinness!
La festa raggiunge il suo apice, c’è un’aria di allegria e benessere attorno. Gli chef si rilassano e sorridono, è sicuramente stato un successo, Il Sindaco fa il suo bel discorso dicendo che questa dovrà diventare un’abitudine, come non essere d’accordo con lui?
Vin passito per il dessert, caffè Illy e un amaro di Piolo Max….e la piazza pian pianino si svuota.
Noi siamo ancora in tavola a chiacchierare, ci sembra di essere dei vecchi amici invece che nuove conoscenze e ci accorgiamo che siamo rimasti gli ultimi, che stanno già mettendo via tutto e, a malincuore ci alziamo anche noi scambiandoci le email per non perderci di vista.
L’orologio del comune segna l’una e mezza, ma come vola il tempo quando stai bene con gli altri? Troppo velocemente mi vien da dire.
Raccolgo la mia pesante borsa, il cavalletto e la fetta di Carsolina avvolta nell’argento che ci hanno gentilmente dato per asporto evado a salutare i sommelier che si stanno rilassando. Le mie Hostess sono ancora con i tacchi alti ma sedute sotto la Fontana dei 4 Continenti con Luca, li stanno “murando” con le piante che delineavano il rettangolo della cena, ce la faranno ad uscire tra un po’? Saluto anche loro mentre continuano ad accatastare i vasi delle piante, cercando di seppellire anche me…e con atto di volontà suprema decido che è ora di andare a dormire …anche se non ne ho tanta voglia!
Decisamente una serata da ricordare!

 

“Cena sotto le stelle” in Piazza Unità a Trieste, una location da favola per una cena speciale.

“Cena sotto le stelle” , già il titolo invoglia. Sa di favola principesca una cena così: tavoli rotondi, tovaglie bianche, candelabri e candele per illuminare i piatti d’eccellenza cucinati dagli chef dell’Associazione Cuochi di Trieste, il tutto sotto il cielo di luglio con la cornice degli splendidi palazzi di Piazza Unità.
Mercoledì 26 luglio dalle 20.30, la Piazza più grande (ed aggiungo più bella) sul mare aperto d’Europa ospiterà un evento unico dal sapore Mitteleuropeo!
Vado a trovare lo Chef Luca Gioiello (Ristorante Arcoriccardo) nello stand di Piazza della Borsa dove si trovano tutte le informazioni e si fanno le prenotazioni (il gazebo sarà lì ogni giorno fino a mercoledì).

Luca Gioiello ed i cuochi nello stand di Piazza della Borsa

Luca è il Presidente della Federazione dei Cuochi Italiani, napoletano d’origine ma triestino d’adozione, ed esordisce con un: <<non si è mai fatto e ed è una sfida al discorso del “no se pol” (Trieste è famosa per essere la città dei “non si può”), stavolta “se pol” (si può) e si farà! Finalmente siamo riusci ad ottenere il salotto principale di Trieste!>>

L’ Associazione cuochi di Trieste è una costola della Federazione Italiana e voleva da tempo fare qualcosa che desse un bel colpo d’occhio sulla città. Un evento che mettesse in luce anche le competenze dei cuochi di questa associazione, professionisti che operano nel settore anche da più di 30anni e che da oltre 15 vanno in giro per concorsi nazionali ed internazionali, portando a casa medaglie di valore (non poche!). C’è anche una nuova sinergia con il nuovo gruppo dei giovani e con le Lady Chef che una volta non c’era, è un’occasione per aprirsi alla città con le loro professionalità.
La cena sarà “confezionata” con 4 portate, ognuna fatta da 5 chef con i relativi aiuti, partendo dall’antipasto al dolce che sarà da guinnes: una carsolina (millefoglie o pasta crema carsolina chiamata anche zavata). Verrà montata sul posto alla vista dei partecipanti, avrà più di 25 metri, larga 10 cm alta 8 cm!
La cena sarà accompagnata da vini della Cantina Angoris, da Verduzzo Friulano, il caffè offerto da Illy Caffè e l’amaro Trieste di Piolo e Max.
La manifestazione ha anche un valore nella beneficenza, una parte dell’incasso verrà devoluto alla Fondazione Burlo Garofalo e alla Fondazione Lucchetta. Per due altre associazioni minori che fanno volontariato ci sarà l’incasso della donazione per dei panini di prosciutto in crosta offerti da Masè (Rieccolo! Vedi il mio articolo precedente).
Un’altra parte del ricavato della cena servirà all’Associazione dei Cuochi per sponsorizzare l’inserimento nel lavoro dei ragazzi della scuola, con corsi e preparazione di giovani talenti. Un’altra parte servirà agli associati stessi per fare corsi di aggiornamento perchè le specializzazioni vanno bene ma fare il cuoco deve essere visto a 360° si deve avere un’infarinatura di tutta l’alimentazione!

Sinceramente sono già con l’acquolina in bocca e non vedo l’ora che arrivi mercoledì per assaggiare queste prelibatezze e raccontarvi da vicino quello che succederà, trucco e parrucco perchè sarà una serata di gala e via …a seguire da vicino già dal pomeriggio le abilità dei cuochi nella cucina installata vicino alla fontana dei Quattro Continenti…

Ecco il Menù e le informazioni per prenotare! Buona serata!

ANTIPASTO
Stratificazione di melanzana viola, alice barcolana, formaggio jamar del Carso e bianchera aromatizzata al basilico.

PRIMO PIATTO
Sfoglia all’uovo con farina di grani antichi, canoce di mare, la loro riduzione ed il suo sale.

SECONDO PIATTO
Sorpresa del golfo con crumble del Carso ed insalatina croccante alla triestina su crema di indivia.

DESSERT
Carsolina da Guiness dei primati (oltre 25 metri di larghezza).

Per informazioni e prenotazioni: + 39 338 6076900 oppure atctrieste@gmail.com.

Il costo del biglietto è di 70 euro. Compresi nel prezzo acqua, coperto, degustazione vini e un digestivo.

Dal 17 luglio in piazza della Borsa è presente anche un Gazebo dell’Associazione Cuochi per raccogliere le prenotazioni. Non sarà possibile acquistare i biglietti, né accettare pagamenti la sera dell’evento. In caso di maltempo la cena verrà rinviata al mercoledì successivo.

 

 

Bollicine sul Carso che al mare stanno benissimo.

Latitante da un po’ perchè stavo cercando di fare un piccolo salto di qualità e dare un’identità a questo blog, ho fotografato tanto e penso che farò una pagina destinata alla fotografia, ci sta.
Nel frattempo che studiavo ho fatto anche la turista a Trieste e penso che continuerò a farla, una città da scoprire a 360°. C’è tanto da vedere e gustare.
Non potevo neppure mancare a Le Bollicine sul Carso al mare, in Stazione Marittima. Una bella sorpresa, dopo tanti anni che non ci andavo, al salone superiore un bellissimo restauro, luminoso, azzurro e con un panorama mozzafiato sul Golfo e le Rive.
Andare prima dell’apertura per sentire l’atmosfera e godere di bella luce naturale è stata l’idea giusta per poter conoscere un po’ tutto di questo evento. La Galleria su Facebook
Ho assaggiato parecchio tempo dopo però i buoni spumanti, prima ho bazzicato in cucina con un nugolo di cuochi. Siccome erano tutti molto disponibili ho approfittato per seguire un po’ le fasi e devo dir che si vedeva il lavoro di veri professionisti, quelli che sanno coordinare tutte le situazioni, a Trieste si dice  “xe de mestier”, stare in cucina è affascinante. La cucina è bella anche da fotografare con tutto quel’acciaio brillante, pentoloni di alluminio, fumi e fuochi, ma ieri ho ascoltato un sacco di cose interessanti…

chef

in cucina con gli chef

L’Associazione dei Cuochi di Trieste con il Presidente Luca Gioiello, il Sig. Saadi che mi ha fatto da cicerone, i giovani studenti della scuola, impegnati a sfamare un sacco di persone, un cuoco famoso, Maradona, e Linda Simeone, in cucina si chiacchiera bene, da sempre!
La gallery su facebook
E poi ti arriva un buonissimo pezzo di pizza, morbido e croccante allo stesso tempo e trovi il tuo amico Paolo, sommelier, con la collega giapponese che vive a Trieste e non parla italiano e neppure inglese e ti chiedi come faccia a vivere da sola così lontana da casa..
La pizza chiama il primo assaggio e Paolo mi consiglia un Terrano Spumantizzato,
“La azienda vinicola Vina Hočevar / Štanjel / Kras si trova a Štanjel/San Daniele del Carso, uno dei insediamenti carsici più antichi.La famiglia, la casa e la cantina risalgono all’anno 1585. La passione di produrre vini nella loro famiglia è già una vecchia tradizione che si tramanda di generazione in generazione.A Bollicine sul Carso porteranno il loro primo vino Carmen.”
Così si descrivono sulla pagina Facebook e San Martino del Carso è un bel luogo, da andarci sicuramente il primo possibile, Carmen, la giovane viticoltrice ha le idee chiare e un bel viso solare, E mi ha anche incuriosito con il “succo di terrano”, che gusto avrà?
Visto il primo pomeriggio sono stata parca negli assaggi ma i commenti che ho sentito mentre leggevo nomi di aziende e di luoghi sul Carso erano molto positivi, da approfondire assolutamente ……

Risotto di mare alla Mandrioi.

Ricetta dei Mandrioi

Un risotto di mare sopraffino mentre si costruiscono i carri del Carnevale.

Qualche giorno fa ho parlato del capannone,dove si costruiscono i carri del nostro carnevale ,un’officina magica, e ho promesso che mi sarei dedicata a descrivere questo luogo ed il suo laborioso popolo che, per qualche mese all’anno, dedica tanto tempo ed energia alla realizzazione di un evento che fa parte del nostro DNA.
E’ un impegno notevole, nessuno ti paga, ci sono anche dei disagi, ore e ore al freddo, possiamo solo dire che è una grande passione (il divertimento viene dopo, nei giorni clou della manifestazione).
Si fanno anche dei sacrifici nelle famiglie, si scombussolano orari ed abitudini e per aiutarsi ad affrontare tutto questo che si fa? Si mangia e si beve in compagnia! Le calorie del cibo riscaldano il corpo e anche la mente, sedersi attorno ad una tavola inventata al momento con un buon piatto di cibo caldo e un bicchiere di vino rilassa, ridere e scherzare assieme fa bene e ti da l’energia necessaria per tornare poi a saldare ferro, far cartapesta e tutto il resto.
Ma cosa si mangia in capannone, dove si cucina in quel caos fatto da mille materiali ed ingombri? Qualche compagnia ha la sua cucina privata , nascosta in un angolo ma ben equipaggiata.

“Tutto nasce nel dicembre 1972 da un gruppo di amici che, dopo la notte di capodanno, volle organizzare una “matada” per divertirsi a carnevale……..a rallegrare questa questa colorata allegria sta il piacere di mangiare e bere assieme”
Si presenta così la Compagnia dei Mandrioi sul libretto informativo del 64° Carnevale Muggesano e la loro cucina ha tutto quello che serve per creare ottimi piatti oltre che la fortuna di alcuni “vecchietti” (come hanno detto loro) che amano cucinare.
Così stamattina ho fatto una puntatina per vedere cosa avevano in programma e ho fatto molto bene perchè stavano preparando un risotto di pesce veramente degno di MasterChef , peccato che su un blog non si possano sentire il gusto ed il profumo!

Carnevale di Muggia

L’angolo dello chef

Domenica mattina, capannone con tanta gente che lavora, i carri sono ancora allo stato embrionale, qualche pupazzo incartato qua e là, qualcosa già da pitturare….c’è fermento.
Come sempre mi fermo a chiacchierare di qua e di là, mi sento proprio a casa con la mia gente, basta poco per una battuta ed una risata.

Carnevale di Muggia.

Si inizia a cucinare….

Le compagnie hanno sempre lo stesso posto, entri e ti trovi la Brivido a destra, poi passo dai miei trottolini e finita la rassegna di tutte 8 annuso un buon odore di aglio soffritto che mi dice che i cuochi dei Mandrioi sono all’opera.
In cucina sono in 3, ognuno con il suo compito. Chi taglia le seppie e i calamari, chi prepara il soffritto…tutti ben affiatati.

Malvasia "de casa" come diciamo noi quando si tratta di vini di piccole campagne.

Malvasia “de casa” come diciamo noi quando si tratta di vini di piccole campagne.

Mi offrono subito un buon bicchiere di Malvasia fatta in casa a San Giuseppe della Chiusa (Ricmanje in sloveno e in tedesco, una frazione del comune di San Dorligo della Valle) che mi riscalda. E’ in una bottiglia di plastica, molto utile per togliere l’aria e le chiacchiere continuano finchè , a risotto quasi pronto, si prepara la tavolata.

Si prepara la "sala" da pranzo.

Si prepara la “sala” da pranzo.

Si spostano: un carro, tavoli con vernici, secchi di colla con pennelli; si pulisce il pavimento e si posizionano due tavoli da sagra con le panche. In 10 minuti tutto è pronto e “gli operai” possono sedersi e gustare il risotto che emana un odorino veramente invitante. Mi ritrovo seduta con loro con una ciotola fumante e una forchetta di plastica che mi si rompe subito (sarà stata la foga dell’assaggio?) e mi gusto un piatto che, se messo in un servizio di design e su una tavola di un ristorante di lusso, non sarebbe potuto esser più buono!
Buon appetito!

La ricetta di Risotto di Mare dei Mandrioi
Ingredienti:
seppie
calamari
code di scampi
gamberetti
vongole
mascarpone
panna da cucina
olio extravergine d’oliva
aglio
brodo di pesce
prezzemolo
limone
Non metto le dosi perchè è a vs discrezione e gusto.

Soffriggere degli spicchi d’aglio nell’olio e buttarli via quando sono dorati.
Aggiungere per prime le seppie tagliate a striscioline e fare rosolare, poi, nell’ordine sempre soffriggendo un po’, i calamari (tagliati a striscioline), le code di scampi, i gamberetti e, per ultime le vongole.
Versare il riso mescolando in modo da amalgamare bene il tutto.
In una pentola a parte si sarà fatto bollire dell’acqua con un dado di pesce che verrà aggiunto a mestoli, pian piano, durante la cottura del riso.
Quando il riso è quasi fatto, aggiungere del mascarpone e della panna da cucina (sempre a vs discrezione), chiudere il fuoco, aggiungere un po’ di prezzemolo. Servire.
Il limone si spruzzerà all’ultimo momento, una mescolatina e ……sentirete che bontà!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Borgogna e baccalà.

Finalmente in città ( da noi si usa dire cosí quando si va a Trieste) a comperare la stoffa per carnevale e altri accessori basilari. Semplice rasetto Saturno che non sfila dai colori vivaci e brillanti che ricopriranno i mattoncini Lego. Tra un po’ si inizia finalmente!

Dopo gli acquisti soddisfacenti ci siamo meritate una merenda golosa all’Enoteca Santé di via Trento, dove c’è sempre la mia mostra fotografica permanente The Foodie.La mia quasi sommelier privata, alias mia sorella, ha scelto un Vincent Gerardin Bourgogne Cuvèe accompagnato da tartine di baccalà mantecato istriano.Decisamente una merenda golosa e un abbinamento armonico. Un vino dal color giallo paglierino, intenso e fine , una spiccata nota minerale e buona sapidità. Ve lo consiglio caldamente!

Adesso siamo a casa, sazie di una buona pasta con il cavolo e pronte per far esperimenti con la gommapiuma!

Qua sotto qualche notizia sul produttore del vino… Buon pomeriggio!

Vincent Girardin

Meursault – Francia

Vincent Girardin nasce nel 1961 a Santenay, fa parte di una famiglia di vignaioli che iniziò nel XVII secolo e ne rappresenta la undicesima generazione. Inizia da solo nel 1982 con soli 2 ettari di vigna ai quali aggiunge alcune parcelle quando il padre si ritira dall’attività e dunque si può dedicare appieno alla vite. Determinante nella sua vita è stato l’incontro con Veronique che, oltre ad essere diventata sua moglie, è parte integrante della gestione del domaine. La filosofia di Girardin è legata al territorio e dunque lavoro della vigna per permetterne la micro ossigenazione, poi la vendemmia manuale per preservare i grappoli integri e l’uso della tecnologia moderna solo per estrarre il massimo dall’uva, in modo da ottenere eleganza nei profumi e forza nel gusto. Tutti i suoi vini spiccano per la mineralità, soprattutto il Corton-Charlemagne, straordinario interprete del “Terroir” di Borgogna. Grandissima eleganza nella batteria dei Montrachet, dove le più piccole differenze di suolo sono perfettamente rappresentate nelle diverse bottiglie. Il Domaine Girardin, gestito da Marco Caschera al commerciale e da Eric Germain per l’area tecnica, è oggi uno dei migliori interpreti dello Chardonnay nella Côte d’Or.

11 novembre a Muggia. inizia il Villaggio di San Martino!

Eccoci, hanno aperto stamattina il Villaggio di San Martino e sono scesa nel pomeriggio con un tempo infame. Pioggia, bora e un freddo pungente non avevano nulla dell’Estate di San Martino come viene descritta su wikipedia:” L’estate di San Martino è il nome con cui viene indicato un eventuale periodo autunnale in cui, dopo le prime gelate, si verificano condizioni climatiche di bel tempo e relativo tepore.” Sembrava piuttosto l’arrivo dell’inverno, ma confido in domani e domenica per farmi il mio bel giro tra le casette di legno e tutte le leccornie .Ho iniziato con una…Sinfonia di ceci e piselli nella casetta di MujaVeg, accompagnata da un Cabernet Sauvignon dell’ Azienda Agricola Scheriani di Muggia, ottimo abbinamento……e un ottimo inizio, peccato che la pioggia con complice il vento mi ha fatto battere in ritirata!!!
A domani!!img_20161111_181226337-01 img_20161111_181245101-01 img_20161111_181335879-01 img_20161111_181339418-01 img_20161111_181358685-01

San Martino.

Sinfonia di ceci e piselli con Cabernet e Sauvignon.