Festa d’Estate nel Parco Pubblico di Rio Ospo, Green Shooting day.

Una bella festa oggi in questo parco all’entrata di Muggia, nato prima per soli cani e poi allargato anche agli umani.

Raccolta differenziata

Una brezza intensa dal mare e nuvole che però non riescono a coprire bene un sole cocente e si sta benissimo sotto gli alberi , è pieno di gente e cani. Mi ricorda moltissimo l’atmosfera del “Centro” o “Bagno dei preti”di Via Battisti 40 anni fa, . frequentatori misti. muggesani con triestini e qualche turista in camper.
Due orette, stamattina, all’apertura della Festa e della stagione estiva che è finita con un buffet molto fusion. La giornata è dedicata al vivere sostenibile, al benessere psicofisico, all’alimentazione alla musica ed alla danza.Un bel programma che spazia in tanti argomenti rivolti allo star-bene. Nel pomeriggio anche uno shooting fotografico con modelle per presentare delle automobili che cercano di rispettare la mobilità sostenibile. Flamenco, meditazione, prodotti a km 0 e cucina….un programma con tanti temi importanti attuali.
Finita la presentazione ufficiale di tutti gli eventi un brindisi con tantissima acqua e/o birra e il buffet misto tra mitteleuropa austroungarica e nuovi sapori(zucchini con lime).

La crosta del pane del Cotto in Crosta de Pan

Il “Cotto in Crosta col Kren”, forte, grasso, unto vs Zucchini marinati al Lime(Il cuoco Mauri mi ha detto che mi svelerà nome e ricetta appena vado in un momento di tranquillità). Zucchine di qualche azienda qua vicino crude condite con delle spezie che non ho riconosciuto e un forte aroma di lime, rinfrescanti, perfette per questo caldo.

Cotto col kren

L’irrinunciabile usanza di buffet triestini con un nuovo modo di insaporire gli alimenti in modo sano ma molto gustoso, tra l’altro stavano anche bene assieme, con quella crema di Kren (Rafano) che era decisamente forte e il lime rinfrescante e profumato.

Zucchini marinati al Lime

Spero proprio di avere questa ricetta e che le zucchine del mio Terrazzello crescano presto per provare.
Buon caldissimo pomeriggio.

Ristorante TPorto ed il suo Chef Danilo Vasta, foto e chiacchiere.

Buon giorno, tra una settimana inizia l’avventura degli ORC Worlds 2017 a Porto San Rocco. Non vedo l’ora di vivere il mare come  sogno segretamente da anni. Dai tempi del Dott. Cossi e di Bertocchi e Apostoli (dedicato a muggesani DOC) sono stata lontanissima da questo mondo di vele, per una settimana sarò lì a godermi spettacoli di uomini vs mare (anche in cucina e in cantina)!
Nel frattempo che arrivano gli equipaggi vado alla scoperta di Porto San Rocco, che per me è un luogo importante anche dal punto di vista della storia. In quelle acque si sono costruite navi importanti, il Cantiere San Rocco, dove ha lavorato la maggior parte dei muggesani del secolo passato, anche la mia famiglia, ha lasciato il posto ad un luogo di benessere ma conserva ancora tracce della passata personalità (probabilmente è una questione sentimentale).
Dal secolo scorso ad oggi con la nuova versione del Ristorante TPorto che vedo finalmente con una sua personalità.

Zona relax

A me piace il design d’interni, lo seguo da anni con la mia amica Marisa, e trovo che la nuova atmosfera creata sia piacevole con le distinzioni ben precise tra bar, zona  svago con divani e zona pranzo.
Mentre penso che pranzerò con la vista su uno dei doc del vecchio cantiere che

antipasto di sgombro al fumo di ciliegio

è rimasto com’era arriva il primo piatto di Chef Danilo Vasta. Mentre fotografo questi piatti con una luce naturale bellissima chiacchiero con lui per conoscerlo e ve lo presento con le sue stesse parole, non potrei cambiare nulla, neppure la punteggiatura perchè mi sempre che renda veramente l’idea di com’è questo giovane cuoco che cucina bene
<<Nasco a Catania( città di mare) nel 1986,li rimango solo 3 anni per poi esser trasferito con la mia famiglia(per mancanza di lavoro dei miei genitori) a Milano,dove cresco e frequento le prime scuole d’obbligo….

copyright fiorella.macor

Ritratto di Danilo Vasta.

Durante la mia infanzia mi accorgo in varie vicessitudini di avere una certa curiosità nei confronti del cibo…..uno dei miei ricordi che mi porto dentro è la sveglia mattutina per osservare mio padre al lavoro in cucina per il pranzo domenicale…..

Detto questo da queste cose comincio sempre di più ad avvicinarmi a questo mondo fino ad sceglier di frequentare l’istituto alberghiero è così da intraprendere sempre più in maniera professionale questa strada….

con gli anni ho avuto la fortuna di frequentare e di conseguenza far esperienza in alcuni dei posti più rinomati di Milano…esperienze che mi hanno formato in maniera professionale trasmettendomi uno dei fattori fondamentali della cucina ” il rispetto  per il cibo”…….fattore che ho fatto sempre più mio durante gli anni!

Uno dei principali fattori che caratterizza la mia filosofia culinaria,forse il primo!!!
Nella mia cucina rientrano il rispetto,la genuinità,la semplicità,la stagionalità dei prodotti,la creatività e sopratutto l’istinto!
Nei miei piatti cerco di trovare il giusto equilibrio tra più elementi che possono creare un connubio completo ed entusiasmante al palato senza dimenticare la semplicità di quello che utilizzo.

In quest’ultima esperienza in corso ho cercato anche di avvicinarmi e valorizzare alcuni produttori del territorio con cui amo avere un rapporto diretto e di fiducia…..e cmq quest’ultimo garantire una sicurezza alimentare in quello che trasformo in cucina ….che oggi è la cosa fondamentale!!!>>

Porto San Rocco

In cucina con Chef Danilo

Aggiungo solo che ho spiato un po’ mentre cucinava e mi sa proprio che le sue parole siano vere. Apprezzo molto la cucina che predilige una certa naturalità nei prodotti, che è attenta anche al benessere fisico! Buon lavoro Danilo! (presto mi farà vedere cosa propone per l’aperitivo in bar magari con una nuotata in piscina)

Buon pranzo a tutti!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mangiare bene a Muggia per Carnevale.

Mancano 2 giorni e si parte. quasi pronti i chioschi di cibo da strada disseminati per la nostra cittadina, dalla piadina alla griglia, dai panini alle frittelle di mele, ce ne per tutti i gusti! Per carnevale viene spontaneo mangiare in piedi o su una panca all’aperto soprattutto per noi muggesani ma anche se si ha voglia di prendersi una pausa e rilassarsi per qualche ora fuori dal caos che impazza per le strade oppure si è un turista che vuole assaggiare la nostra cucina, anche in questo caso, l’offerta non manca. Trattorie, buffet, ristoranti, pizzerie, tante idee e soluzioni per tutti.
Approfitto di questa nostra grande festa per iniziare un percorso culinario che vi racconterà dove andare e cosa mangiare se venite a trovarci.
Per iniziare ho scelto una trattoria che conosco da sempre Alla Marina, via Manzoni 7. Quando ero piccola la chiamavano da Norbedo e mi piaceva tanto mangiare sulla terrazza guardando il mare. E’ un’azienda, da sempre, di tradizione famigliare.
Si trova a poca distanza dal porticciolo e dal centro del paese si vede subito con quel bel color azzurro dell’edificio. Caratterizzata da un ambiente raccolto ed accogliente, ispirato liberamente agli stabilimenti balneari degli anni sessanta ha un’ampia terrazza sul Golfo di Trieste. Un piccolo particolare che mi piace citare è l’utilissimo fasciatoio nel bagno, se non erro, unico in tutta Muggia.
Non è un ristorante di lusso,non ci sono piatti gourmet con accostamenti particolari come di moda oggi, Marina, la proprietaria e sua figlia Fabia offrono piatti tipici della zona come le cozze “scottadeo” o l’antipasto freddo di pesce misto,gli spaghetti alla “busara”, i sardoni(alici) impanati, i gustosi fritti misti e le seppie in umido con la polenta accompagnati da un buon prosecco e del malvasia…..
Buon Appetito!

PS: qua sotto vi presento due piatti che a me fanno venire sempre l’acquolina in bocca!

Profumo di mare.

Antipasto freddo:
gamberetti,polipi,sardoni(alici) marinati e baccalà mantecato
Fritto misto di calamari scampi e sardoni sia fritti che impanati…

 

Digita un messaggio…

Le Olimpiadi delle Clanfe a Trieste, la gara di Tuffi più pazza del Mondo!

Andare all’Ausonia a godersi questi tuffi spettacolari e divertenti  è un modo per conoscere un po’ della nostra storia. La Clanfa (ferro di cavallo, dal «klampfe» del dialetto bavarese.) è un tuffo che nasce nel 1800 e si usa ancora..più schizzi e riesci a bagnare quelli che sono a riva, più bravo sei!
Il Regolamento di questa gara è il seguente, leggetelo perchè è pieno di termini così popolari che rivelano proprio lo spirito del triestino DOC e non solo perchè i tuffi a Clanfa  sono usati in tutto il litorale e , da muggesana dico è uso anche nostro da sempre..” da http://www.spiz.it/olimpiadi-dele-clanfe/9-olimpiade-dele-clanfe-2016/9-olimpiade-dele-clanfe-2016-regolamento#articolo-4-–-gara )
Il tuffatore concorrerà con un singolo tuffo. Il tuffo andrà eseguito esclusivamente dal trampolino elastico di 3 metri. Il tuffo dovrà essere o una clanfa, o una bomba o un testabalòn (kamikaze). L’ordine di partenza sarà stabilito in funzione della data e ora di iscrizione. Se al termine del contest due o più tuffatori conseguiranno lo stesso punteggio, il piazzamento sarà determinato dall’età, premiando il più giovane rispetto al più vecchio. È incoraggiata la partecipazione di burloni, smargiassi, nagàne, legére, bobe, vanzadori, e di tutti i tipi di costume, di acconciatura, di trucco, ecc. per esaltare il «morbìn triestin» che caratterizza l’evento.” 
Vi do questo link di Youtube così potete farvi un’idea visiva delle clanfe.
https://www.youtube.com/watch?v=SIa5cO3kFG4

Da anni cercavo di andarci e non ci riuscivo , così oggi alle 14.30 ero all’Ausonia, storico stabilimento balneare di Trieste . Sole cocente 32° , luce abbagliante e tantissima gente in costume (beati loro). Tuffarmi a “bomba americana” era una mia specialità e oggi mi son divertita a criticare i concorrenti. …. a guardarmi l’abbronzato e variegato popolo triestino.
Sì, il triestino “al bagno” (modo di dire per andare in spiaggia) in stabilimento è sempre lo stesso dopo tanti anni, c’è ancora un filo che tiene stretta questa città ad un passato di benessere.Si tratta di una struttura storica della città di Trieste, costruita con lungimiranza alla fine degli anni ’30 e frequentata dai triestini di ogni età ed estrazione sociale . Considerata a buon diritto un’istituzione cittadina è un concentrato di usanze mai abbandonate. (ma dell’Ausonia parlerò un’altra volta)
Decisamente mi va di consigliare a qualsiasi visitatore una puntatina a questa gara di tuffi così singolare e divertente…
e adesso vado ad editare un piccolo racconto ad immagini che posterò sul mio profilo facebook entro domani
https://www.facebook.com/fiorellamacorphotography/

Buon sabato sera a tuttii
Fiore

Un sabato cocente di luglio all'Ausonia.

I Kiss triestini delle Olimpiadi delle Clanfe, Gara di tuffi a Trieste, Ausonia.