-2 per Sirene, Oltre il Mare a Porto San Rocco, la mia “personale” nell’ambito degli eventi di Barcolana50

Buon giovedì,
mancano 2 giorni all’inaugurazione di Sirene, Oltre il Mare a Porto San Rocco e sono proprio agitata.

Invito!
Sabato 6/10 ore 18!!!

In questa ultima settimana ho deciso di aggiungere delle cose e non ho ancora finito;il fatto è che non avevo capito ancora l’importanza di essere presente negli Eventi della Barcolana50, la Regata più grande del Mondo! Non avevo neppure capito il significato e la fortuna del poter esporre nella Sala Congressi di Porto San Rocco!
Non è una personale nuova nuova ma un percorso che vuole diventare riflessione e mi piacerebbe coinvolgere tante persone, se poi aggiungiamo il fatto che sono 20 giorni che non fumo (victory!) mi sembra logico che la mia ansia sia ragionevolmente giusta.

Il tutto nasce l’altr’anno dopo una bellissima settimana passata in mare con il mondo della vela degli ORC World 2017 proprio a Porto San Rocco.
Amo il Mare e , questa esperienza, è stata una fonte di energia ma, anche, di creatività e riflessione.
L’altr’anno ho anche vissuto un periodo di ribellione verso la “fotografia” concepita come mestiere e arte alla portata di tutti. Mi si sono presentate immagini spacciate per “Arte” da persone che , fino a ieri, disegnava, pitturava quadri ma di tecnica fotografica neppure l’ombra…lo ammetto….mi sono girate le scatole alla grande; era come se io , di colpo, prendessi in mano dei pennelli, dopo 35 anni che non studio la pittura (che amo e spero di coltivare in pensione, se ci andrò un dì). Insomma, ero stufa dei soliti clichè e avevo voglia di uscire dagli schemi, vedevo immagini riconosciute come Arte solo perchè presentate come Arte Concettuale, ma perchè non anch’io? Perchè non provare qualcosa di diverso dalla solita stampa? Perchè  non esprimere le mie sensazioni di questa settimana a modo mio? Così è nato Sirene, esposto nella Biblioteca Statale Stelio Crise di Trieste  con Espansioni(Sono 50 le artiste partecipanti alla Rassegna Internazionale d’ Arte Contemporanea “percorsi di creatività delle donne”. Il titolo è INCONTRA.).
Poi è arrivato il momento di Le Vie delle Foto e ho presentato Oltre il Mare dove mi sono sbizzarrita a creare altri pannelli con questa tecnica mista: stampa a casa su carta comune, riversamento immagine su legno, pennellate di acquarelli ed acrilici e qualche tratto di pennarello…
Insomma…l’apoteosi per me che amo le stampe fotografiche Fine-Art ….
Nel frattempo Marina Abramovic firma il manifesto di Barcolana50 , Il manifesto, realizzato con il sostegno di illycaffè, reca il messaggio “We are all in the same boat”, un invito a fare squadra per proteggere il pianeta, nonostante le competizioni (sportive e non) con cui ci si confronta tutti i giorni, ma il suo significato viene stravolto e la polemica infuria negli ambienti politici! Credo che , a livello estitico, posso piacere o no (come tutte le opere d’arte del resto) ma cambiarne il vero significato lo trovo veramente da stupidi. Nello stesso tempo ho scoperto anche che, il significato del manifesto, era molto simile alle motivazioni della mia Oltre il Mare e ho visto il bando per poter far parte degli eventi di Barcolana50 e ho pensato che ero perfettamente in tema. Ma dove proporla? La location poteva essere solo una. quella che aveva fatto nascere il progetto: Porto San Rocco. Ho chiamato il Sig. Sponza e l’idea è stata accolta e ho mandato la mia richiesta di far parte degli eventi, richiesta che è stata accolta, con mia grande gioia.
Durante l’estate, Oltre il Mare si è allargata ancora di qualche  “opera”? “Quadro”? “Esperimento”? Non so come chiamare questi pannelli di legno e annessi messaggi , ma il significato è uno e preciso: “..mi ha portato a riflettere anche sul mito della natura perduta e lo strapotere della tecnica, c’è una via d’uscita per l’uomo moderno: ritrovare un nuovo rapporto con la natura un rispetto reciproco che tolga ogni arroganza e violenza dell’azione dell’uomo verso il pianeta e gli altri esseri viventi… altrimenti c’è il Nulla dell’Isola delle Sirene o un viaggio senza scopo in un mare sconosciuto…”
Ma esporre a Porto San Rocco non è solo un vanto per la bellezza della cornice, è anche un omaggio ad un luogo che fa parte della storia della mia famiglia.Tanti anni fa , proprio qua si costruivano navi bellissime: il Cantier San Rocco  e ho tanti ricordi bellissimi fino all’ultimo, quello doloroso, di mia madre che portava a casa la scatola con tutti i suoi accessori da scrivania (era impiegata, faceva le buste paghe degli operai del cantiere), l’ultimo giorno di lavoro: il cantiere era stato chiuso….ricordo ancora le sue lacrime .
Se avete letto tutto fino ad adesso capirete il perchè di tutta questa mia agitazione: far l’artista che manda messaggi ambientali colmi di sentimenti e di storia, vi pare poco? Mah…se sono arrivata a farlo vuol dire che forse il mio pensiero val la pena di essere divulgato!
Cercherò di fare del mio meglio!
Vi aspetto Sabato 6 ottobre 2018 alle ore 18 in Sala Congressi.
Fiore foto

Orari
Domenica 7/10 dalle 10 alle 13    dalle 16 alle 18
Lunedì, Martedi, Mercoledi, Giovedì e Venerdì
dalle 15 alle 19
Sabato 13/10 dalle 10 alle 13    dalle 16 alle 19
Domeica 14 dalle 15 alle 19

 

Oltre il Mare per Le Vie delle Foto, la mia mostra personale.

Buon pomeriggio!
Stamattina abbiamo allestito la mia personale all’Osteria 2 Ladroni di Via Tarabocchia 4 a Trieste, Adriano, il titolare, e Angela, collaboratrice preziosa di Le vie delle Foto, mi hanno aiutato e sono veramente soddisfatta del risultato!
Oltre il Mare fa parte di quel bellissimo progetto ideato 8 anni fa da Linda Simeone.
Le Vie delle Foto

le vie delle foto nasce e viene sviluppato come una mostra fotografica collettiva internazionale
composta da tante mostre singole dislocate nel centro cittadino di trieste.

Il progetto realizzato prevede un’esposizione collettiva che come un moderno network si compone e collega tante location diverse, prettamente locali caratteristici che ospitano fotografi aderenti alla manifestazione; un motivo in più per girare a piedi incuriositi per la città che negli ultimi anni si è adattata anche alla vita pedonale.
Viene coperto tutto il centro cittadino e per un mese è possibile inventarsi dei percorsi per visitare, anche quotidianamente, tutte le esposizioni in catalogo.
Le Vie delle Foto trasforma il locale cittadino in una piazza di incontri, discussioni e scoperta, infatti, proprio per la sua struttura antropologica, la città di Trieste già storicamente dimostra la sua inclinazione all’incontro nel bar (una volta chiamato anche tabaccheria o “tea room”). lo stesso James Joyce dichiara di aver scritto e letto molti libri nei locali di Trieste.

Il locale viene quindi utilizzato come punto d’incontro tra il cittadino e la cultura fotografica. (dal sito Le vie delle Foto)

ORC Worlds 2017 Trieste

@fiorella.macor

Oltre il Mare è il mio Progetto del 2018 che nasce dalla mia partecipazione come blogger e fotografa ai Mondiali di Vela d’Altura che si sono svolti nel Golfo di Trieste dal 30 giugno al 8 luglio 2017.
Primo giorno, mezz’ora prima dell’imbarco per seguire la regata di prova della domenica, il mio teleobiettivo si schianta al suolo! Che dire? Rabbia e qualche lacrima ma non abbandono il campo, non noleggio nessun altro tele e neppure chiedo in prestito a qualche amico…guardo con altri occhi questa gara: Uomini Vs Mare!
Tecnologia e natura, odore di salmastro e rumore di vele, vento e bonaccia, sensazione di libertà.

Quando mi sono trovata davanti al monitor ad editare tutti gli scatti mi sono trovata una storia fatta di belle cartoline, una descrizione che non bastava ad esprimere le mie sensazioni. Sono ritornata vicino al mare, senza reflex e, chiudendo gli occhi, ho ripercorso questa esperienza con i sensi ed è così che è nata l’idea di andare oltre la fotografia, di usare legni e pennelli, come un marinaio d’altri tempi, liberare la fantasia senza schemi fissi al contrario delle regole che mi sono sempre state imposte come fotografa professionista, finalmente anche “pittrice”!
Ho scavato nel profondo e la voglia di libertà che mi ha sempre dato il mare mi ha portato a riflettere anche sul mito della natura perduta e lo strapotere della tecnica, c’è una via d’uscita per l’uomo moderno: ritrovare un nuovo rapporto con la natura un rispetto reciproco che tolga ogni arroganza e violenza dell’azione dell’uomo verso il pianeta e gli altri esseri viventi…altrimenti c’è il Nulla dell’Isola delle Sirene o un viaggio senza scopo in un mare sconosciuto.
Spero che questo mio progetto piaccia e serva anche come riflessione….
Vi aspetto all’inaugurazione Lunedì 16 aprile alle ore 19…ovviamente in Via Tarabocchia 4 a Trieste!

 

Food photography, presto il corso da Eataly.

Buona sera a tutti, finita la latitanza da questo mio piccolo amato spazio dovuta un po’ per qualche acciacco di stagione ma anche perchè mi sono messa a studiare wordpress, a lottare con Google AdSense e preparare un programma primavera/estate veramente interessante !
Oggi vi presento il mio corso di Food and Photography da Eataly  – Riva Tommaso Gulli, 1, 34123 Trieste.
Questo workshop che si terrà il 22 aprile dalle 11 alle 13.30 si colloca nell’ambito di Le Vie delle Foto , un progetto di successo di Linda Simeone che potrete conoscere leggendo il post di luglio 2016 qua nel blog oppure sul sito ufficiale.
Diciamo pure che è il seguito naturale della personale del 2016 quando ho presentato The Foodie nell’Enoteca Santè Wine and Food di Via Trento 5/a . Trieste   che è diventata mostra permanente con mia estrema soddisfazione.
La mia passione per la Food Photo è iniziata qualche anno fa quando ho iniziato a produrre immagini per il mercato dello Stock, a quell’epoca, avevo ospite mia sorella che è un’ottima cuoca e, presto, sommelier (abbiamo grandi progetti assieme per questo blog) e lei mi preparava un sacco di pietanza, quasi tutte vegetariane, che presentavo nel mercato mondiale dell’immagine. Da qui la specializzazione  di “rendere golosa un’immagine”, far venire l’acquolina in bocca a chi guarda e, giusto per darmi un fortissimo input a continuare è arrivato anche un premio a livello internazionale, la vincitrice di  The Foodie EyeEm Awards 2015

Eyeem Awards

The Foodie Eyeem Awards 2015, New York 18 september 2015

con un immagine che rappresenta sempre mia sorella con in mano un finger food al Trieste Mare Morje Vitovska nel Salone degli Incanti.
Mi sono un po’ dilungata con le autocelebrazioni? Forse sì ma mi sembrava giusto far conoscere anche il mio lavoro da professionista visto che come blogger sono ancora alle prime armi, ma come fotografa ho 40 anni esatti di esperienza alle spalle (mi viene un po’ anche da piangere pensando a come è volato il tempo e cambiato tutto nella fotografia)
Ritornando al corso , ma a chi è rivolto? La direzione di Eataly ha preferito dedicarlo a chi usa lo smartphone (ma vi dirò che è un po’ riduttivo perchè sarebbe utile a tutti, sia a chi ha una compattina sia a chi usa la reflex), per chi vuole condividere su Facebook, Instagram o altri social, io aggiungo con sicurezza che sarebbe utilissimo a Food Blogger, Chef, Sommelier, proprietari di negozi alimentari , fotografare cibo e vino in modo da attrarre clienti !!! Perchè un’immagine sbagliata e brutta sul vs sito/social può veramente avere un impatto negativo con il cliente!
Vi insegnerò un sacco di trucchi per rendere le vostre immagini veramente golose!
http://www.eataly.net/it_it/food-and-photography-eve12671Per iscriversi bisogna andare sul sito di Eataly  ! Vi aspetto al 22 aprile!!

Per correttezza riporto il testo della pagina di Eataly
Sei un appassionato di food e fotografia e non vedi l’ora di pubblicare nuove foto sulla tua pagina Facebook o Instagram?Abbiamo la soluzione alla tua passione!Per te, un corso di Food Photography che ti consentira’ di imparare tutti i trucchi dei fotografi professionisti per scattare immagini accattivanti ai tuoi piatti preferitisfruttando a pieno il tuo smartphone.Preparati a foto che faranno venire l’acquolina in bocca a chiunque le guardi!In collaborazione con Le Vie delle Foto.Per maggiori informazioni scrivi a didatticatrieste@eataly.itSe sei socio Slow Food hai diritto al 10% di sconto su tutti i corsi iscrivendoti direttamente in negozio all’Info Point di Eataly.

Se desideri associarti, il costo della tessera e’ di 25 €: puoi farlo a Eataly Trieste.

Borgogna e baccalà.

Finalmente in città ( da noi si usa dire cosí quando si va a Trieste) a comperare la stoffa per carnevale e altri accessori basilari. Semplice rasetto Saturno che non sfila dai colori vivaci e brillanti che ricopriranno i mattoncini Lego. Tra un po’ si inizia finalmente!

Dopo gli acquisti soddisfacenti ci siamo meritate una merenda golosa all’Enoteca Santé di via Trento, dove c’è sempre la mia mostra fotografica permanente The Foodie.La mia quasi sommelier privata, alias mia sorella, ha scelto un Vincent Gerardin Bourgogne Cuvèe accompagnato da tartine di baccalà mantecato istriano.Decisamente una merenda golosa e un abbinamento armonico. Un vino dal color giallo paglierino, intenso e fine , una spiccata nota minerale e buona sapidità. Ve lo consiglio caldamente!

Adesso siamo a casa, sazie di una buona pasta con il cavolo e pronte per far esperimenti con la gommapiuma!

Qua sotto qualche notizia sul produttore del vino… Buon pomeriggio!

Vincent Girardin

Meursault – Francia

Vincent Girardin nasce nel 1961 a Santenay, fa parte di una famiglia di vignaioli che iniziò nel XVII secolo e ne rappresenta la undicesima generazione. Inizia da solo nel 1982 con soli 2 ettari di vigna ai quali aggiunge alcune parcelle quando il padre si ritira dall’attività e dunque si può dedicare appieno alla vite. Determinante nella sua vita è stato l’incontro con Veronique che, oltre ad essere diventata sua moglie, è parte integrante della gestione del domaine. La filosofia di Girardin è legata al territorio e dunque lavoro della vigna per permetterne la micro ossigenazione, poi la vendemmia manuale per preservare i grappoli integri e l’uso della tecnologia moderna solo per estrarre il massimo dall’uva, in modo da ottenere eleganza nei profumi e forza nel gusto. Tutti i suoi vini spiccano per la mineralità, soprattutto il Corton-Charlemagne, straordinario interprete del “Terroir” di Borgogna. Grandissima eleganza nella batteria dei Montrachet, dove le più piccole differenze di suolo sono perfettamente rappresentate nelle diverse bottiglie. Il Domaine Girardin, gestito da Marco Caschera al commerciale e da Eric Germain per l’area tecnica, è oggi uno dei migliori interpreti dello Chardonnay nella Côte d’Or.

Prologo sul Carnevale di Muggia 2017

Buongiorno!
Vi sembra strano parlare del Carnevale a novembre? Da noi no, anzi, siamo già in pieno lavoro !
Muggia è l’ultimo lembo d’Italia in terra d’Istria, un piccolo gioiello che non sfigura con la bella Trieste che sta di fronte il vallone.
Sotto la Signoria di Venezia dal 1420 conserva ancora la struttura architettonica, il dialetto , la gastronomia e il Carnevale…che ha saputo trasformare in un modo tutto suo rendendolo oggi una manifestazione che non ha uguali al Mondo, vi allego qua sotto qualche link per farvi conoscere un po’ la nostra storia e farvi venir voglia di venire a trovarci, in questo mio spazio però, preferisco scrivere “di pancia” , mi piacerebbe comunicare di più che sterili notizie…se ci riesco, magari qualche emozione.
Ma procediamo per gradi, per presentarvi questa kermesse userò le immagini di una mia personale di Street Art del 2013: La Città del Carnevale, 10 cartelloni di 6mx3m disseminati per Trieste. Muggia nei luoghi che più amo diventa la scena su cui proietto le immagini che reputo rappresentative del Carnevale Muggesano: maschere rivelatrici dello spirito giocoso che sta alla base della grande vitalità della nostra storica manifestazione.
Ogni cartellone rappresenta un lato di Muggia…andiamo ad elencarli:
Calle Oberdan
LO STILE…..delle maschere.
Unico ed inimitabile sicuramente, sono sempre stata convinta che i nostri costumi possono fare invidia a tanti stilisti di moda!
Calle Oberdan che mi ha visto nascere al n° 6 e dove ho passato i primi sei anni della mia vita , anni di libertà, giochi ed allegria ha il maggior numero di case dai caratteri gotico-veneziani……e l’ho scelta anche per questo come espressione del nostro Stile.

Refosco dal peduncolo rosso

più di 600 anni , vi sembrano pochi?

LA STORIA:
Questo Re che rappresenta il Refosco dal Peduncolo Rosso ci racconta che il nostro è un territorio di mare ma anche di colline e agricoltura, il vino è parte della nostra storia e non solo perchè è una fonte di libagione primaria nella settimana dei festeggiamenti! (di vino e del nostro territorio agricolo parlerò abbondantemente nel blog)
Sullo sfondo la Chiesa di San Francesco (inizi sec. XV), un bell’esempio di architettura gotico-francescana da visitare assolutamente .

Il Duomo

Il Duomo

 

 

IL DETTAGLIO:
La cura del dettaglio è un’altra nostra prerogativa. Nulla è lasciato al caso, sia negli abiti che nei carri, nell’organizzazione della sfilata e in tutte le piccole cose che ci rendono unici.

Bambini che volano e il nostro bel Castello

Bambini che volano e il nostro bel Castello

 LA FANTASIA:
Bambini per descrivere la Fantasia, chi più di loro per rendere il concetto ? La Fantasia nei temi della sfilata, nell’ideazione dei costumi, nel scovare sempre idee nuove!
Alle spalle il nostro Bel Castello che ci protegge lassù sulla collinetta. Potete visitarlo e …non ve ne pentirete perchè la Castellana ed il suo Signore hanno saputo fare un mix al suo interno che vi farà veramente volare in un mondo fantastico
http://www.castellodimuggia.wpeople.it/

L calli sotto il Castello.

L calli sotto il Castello.

LA MESSINSCENA.
[dal fr. mise en scène]. – 1. a. Il complesso delle operazioni con cui si allestisce un lavoro teatrale (opera drammatica o musicale, ballo, ecc.), e quindi tutto il processo per cui, dal testo scritto, l’opera dell’autore è portata a vivere materialmente sul palcoscenico….. alquanto originale visto che è una strada. Qualcuno ci ha , appunto, definiti Artisti di Strada ma io penso che non sia così, il nostro è …. Teatro all’Aperto.
I miei Sturmtruppen (poverini, fonte di un commento spiacevole del giornalista Bosazzi del quale mi astengo di scrivere cosa penso, se volete sapere l’eresia sparata in TV scrivetemi in privato) li ho sistemati in una Calle che ho sempre amato. Una salita che si inerpica verso il Castello con le sue belle casette e i giardini curati pieni di tanti fiori.

Ancora il Castello visto dal giardinetto sottostante.

Ancora il Castello visto dal giardinetto sottostante.

 

LA SCENOGRAFIA:
Ideare, creare e portare le scene in strada non è cosa da poco. Una rappresentazione ferma è molto più semplice da rendere capibile, quando sei in strada tutto deve essere veloce perchè il pubblico deve afferrare subito cosa si vuole comunicare….noi ci riusciamo!
Di nuovo il Castello ….mi piaceva !

Carnevale di Muggia

Il Porticciolo con Il Campanile del Duomo

LA REGIA:
La direzione della messinscena di una rappresentazione teatrale, operistica, cinematografica, televisiva. 1. regia teatrale Comprende il complesso di attività rivolto all’esecuzione di un testo drammatico sul palcoscenico. Base di essa è la recitazione,…probabilmente ho sbagliato titolo perchè dovevo scrivere con il plurale: Le Regie…
Sì perchè non c’è una sola persona che dirige il tutto ma una complessa rete di idee che si intrecciano finchè l’idea giusta per , quasi, tutti è quella che viene approvata e realizzata…..un esempio esemplare di democrazia? credo proprio di sì..
Ne è un piccolo esempio la composizione di questo tabellone che le due maschere che danno il Benvenuto posate sulle acque del porto e quel gabbiano dalle improbabili dimensioni(cucàl per noi) che sfreccia veloce nel freddo cielo invernale.

Laghetti delle Noghere

Laghetti delle Noghere

LA CREATIVITA’:
Un’altra nostra virtù che va a braccetto con la fantasia, sono un piccolissimo esemprio queste rane nei Laghetti delle Noghere ,esprimere concetti anche semplici con creatività è una priorità che si evolve di anno in anno. Fantasia unita a studio, prove, esperimenti…una fucina che non si ferma mai. Non c’è un momento dell’anno dove ci si dimentica che del Carnevale, ogni spunto può essere utile, un sito web che ti appare per sbaglio, una foto caricata da un amico per chissà quale motivo, tutto può servire a migliorci…..

Tap

Uomo con il trombone nel Giardinetto sotto al Castello

LA MUSICA:
Penultima ma non sicuramente per importanza , La Musica che va a braccetto con il Canto e la Danza
Non credo servano spiegazioni sul perchè, caso mai, chi fa la musica? Che musica?
Non mancano Bande, complessi, gente che canta per gli affari suoi e…
i GRATINI…..cosa sono? Diciamo, per il momento, che sono una fonte inestinguibile di musica per tutti i gusti. Disseminati davanti ai bar e alle osterie sono come delle discoteche itineranti!
Nell’immagine qua sopra un bel trombone suonato con vigore da Peppone con sullo sfondo il il Campanile….da quassù la musica si espande fino a ragggiungere tutte le altre là sotto in Piazza , creando così un concerto che non ha uguali di sicuro…

Il Mandracchio

Il Mandracchio

L’IRONIA:
Ho lasciato per ultimo questo scorcio del porticciolo con una Donna (?) che maneggia del denaro con un’espressione soddisfatta….
“Carnevale ogni scherzo vale” si suol dire, ma non usiamo scherzi banali e fastidiosi (a parte la schiuma in bomboletta dei bambini che finalmente è stata vietata)….un p’ di ironia, sarcasmo, un po’ scanzonati….a Carnevale si può.
Ma cosa c’entrano i soldi? Bè, andare in giro costa, un costume costa, i carri costano….il denaro, purtroppo, è indispensabile….
Sull’altro piatto della bilancia però c’è anche una buona notizia: più gente c’è in giro più si incassa, quindi, il Carnevale è anche una fonte di guadagno che fa girare l’economia.
Mi sembra proprio che di pecche ne abbia poche questa nostra Festa! Mi riservo di parlarne quando i quotidiani locali, per fare odiens, scriveranno i loro soliti, noiosi e anche poco veritieri articoli dell’unica ombra che c’è ….e che adesso non cito per darvi false news!!

Per qualsiasi notizia ecco qua le fonti ufficili…

Il Sito ufficiale http://www.carnevaldemuja.com/ Il sito del Comune di Muggia
Benvenuti a Muggia, il sito dell’Assessorato alla Cultura e Promozione della città
Una mia piccola e vecchia gallery che amo

Mostra personale fotografica “The Foodie” da Santè Wine and Food a Trieste.

Galleria

Questa galleria contiene 9 foto.

Vi  presento la mia Personale The Foodie !! E’ diventata Permanente da Santè Wine and Food di Via Trento 5/a a Trieste, E’ da qui che nasce l’idea di questo blog e del suo nome ! In primavera ho allestito la … Continua a leggere