Un pranzo vegano per salutare la zona gialla.

“Dobbiamo trovare qualcuno con cui mangiare e bere prima di cercare qualcosa da mangiare e da bere, perché mangiare da solo significa fare la vita di un leone o di un lupo.”
EPICURO

Buona domenica, da oggi siamo di nuovo in zona arancione e siamo riusciti appena in tempo a fare un pranzetto, sempre rigorosamente secondo le regole del Dpcm, con l’amica Kriss Mucchi. Diciamo pure che questa pandemia è una tragedia anche perchè ha distrutto la socializzazione ed il piacere di stare assieme e, nello stesso tempo, ci ha fatto capire quanto bello ed importante è il poter sedersi in tanti, soprattutto, davanti ad una tavola ben imbandita .Quanto abbiamo cucinato durante il lockdown? Tantissimo! basta vedere la moltiplicazione delle ricette e foto di cibo su FB e tutti social ma il gusto non ci basta , ci vuole la commensalità “le persone che mangiano assieme”.
Siamo italiani e “mangiare assieme ” è ancora più importante che mangiare. Seduti, possibilmente in tanti , davanti ad una tavola.
Purtroppo questo desiderio di essere in tanti rimane , per il momento, un desiderio ma vale anche il “pochi ma buoni” e così abbiamo fatto un pranzetto nel massimo consentito dalla legge, pazienza!

Decisione presa e il pranzo vegano è stato servito accompagnato da ottimi vinelli. L’idea iniziale era “qualcosa di leggero” per contrastare le libagioni delle feste appena passate ma, leggerezza su leggerezza, si è trasformato in un gustare di circa 4 orette tra grissini, zuppe e crostini, tortini, salse e dolcetti…praticamente sono uscita rotolando!
Unico strappo,il mio mio “struccoletto di mele , mirtilli rossi e noci, che aveva del burro, tutto il resto era rigorosamente vegano e gustosissimo. (la ricetta dello strudel la metterò in un altro post).
Che bella bella giornata la useremo come rito propiziatorio per venir fuori da questa pandemia asociale il prima possibile!!!!

Villa Minelli Metodo Classico 2011

Il Menu:
– Grissini alle cipolle rosse e grissini alle olive accompagnati da un prosecco Villa Minelli Metodo classico 2011 sgranocchiati mentre si riscaldavano gli altri pioatti portati da Kriss.( Il Metodo Classico Brut è uno Spumante che sin dal primo sorso ostenta un bel nerbo, costituito da freschezza e sapidità che fasciano il palato in una beva scorrevole e appagante. Al naso regna equilibrio fra le note di lieviti e quelle più fruttate, in una danza di profumi che eleva quest’etichetta verso un bouquet olfattivo sfizioso. Villa Minelli ci regala una bollicina pronta da bere adesso, ma che può allo stesso tempo reggere un interessante ulteriore periodo di riposo in vetro di quattro o cinque anni. http://www.villaminelli.it/It/Vini/Metodo_Classico_Villa_Minelli/)
– Tortino al porro
– Zuppa di porri
– Zuppa di cipolle
– Torta salata ai carciofi e crema di patate
la ricetta su https://www.vegolosi.it/ricette-vegane/torta-salata-vegan-carciofi-patate/
– Farinata di ceci con salsa di mele e cipolla rossa
– Cocchini freddi accompagnati da un delizioso Mirtillo di Villa Santina.

Vi riporto le ricette di Kriss e vi consiglio caldamente (anche a voi onnivori come me) di sfogliare il blog dii Kriss Mucchi in Antipasti, Bibite, Contorni, Cosmetici, Dolci, Pane e salati, Piatti unici, Primi Piatti, Ricette, Ricette base, Salse, Secondi piatti
Sul sito di Muja Veg

Farinata o frittata vegan

Ingredienti (per 4 porzioni)

Di Kriss Mucchi inRicetteSecondi piatti Tag ceci

La farinata di ceci appare molto simile ad una frittata, ragion per cui l’impasto viene usato in combinazione ad esempio con gli asparagi, verdure a scelta oppure con le spezie preferite .

215 gr. Ceci

7 gr. Sale

675 ml di acqua temperatura ambiente

40 ml olio EVO

Cottura: forno

Difficoltà: bassa

Procedimento

Setacciare la farina di ceci in una ciotola grande e mescolarla pian piano con l’ acqua. Poi usando una frusta aggiungere il composto di olio e sale precedentemente miscelato.

Far riposare il composto coperto per un 4- 8 ore .

Dopodiché versare il composto in una teglia di 26 cm di diametro precedentemente unta o con carta forno.

Accendere il forno a 220° ed inserire la teglia nel ripiano più basso per 10 minuti se il forno è tradizionale e 7 minuti se è ventilato. Spostare la farinata nel ripiano di mezzo per altri 15 minuti in forno tradizionale oppure 10 se forno ventilato.

A fine cottura si può spolverizzare con le spezie o erbe preferite.

Zuppa di cipolle

Di Kriss Mucchi inPrimi PiattiRicette Tag cipolle

Ingredienti (per 3/4 porzioni)

500 gr. cipolle dorate

1 l brodo vegetale

1 cucchiaio di zucchero

1, 2 cucchiai di farina o fecola

Sale q.b.

Olio EVO q.b.

Mezzo bicchiere d’acqua

Pepe facoltativo

Spezie preferite

Cottura: pentola

Difficoltà: medio-bassa

Procedimento

Prendere una casseruola con il fondo unto di olio evo e a freddo metterci le cipolle pulite ed affettate, salare quanto basta, accendere il fuoco e far soffriggere 2 minuti.

Aggiungere il mezzo bicchiere d’acqua, abbassare sul minimo la fiamma, mettere un coperchio e lasciare cuocere per un 8/10 minuti o finché le cipolle non saranno morbide.

Se necessario aggiungere amcora un po’ di acqua .

Poi aggiungere lo zucchero e la farina amalgamare bene finché non ci saranno più grumi.

Poi aggiungere il brodo, mescolare e portare ad ebollizione. Far cuocere a fiamma bassa per un 15 minuti.

Le zuppe vanno consumate preferibilmente dopo 12/24 ore dalla preparazione.

È possibile servire la zuppa con i crostini.

Cocchini freddi

Di Kriss Mucchi inDolciRicette Tag cacaococco

Ingredienti (per 4 porzioni)

12 cucchiai di farina di cocco

6 cucchiai di cacao amaro

6 cucchiai di zucchero a vostra scelta

160/250 ml c.a. latte di soia

1 aroma rum oppure un cucchiaio di rum o liquore o caffè

Farina di cocco per guarnire

Cottura: no

Difficoltà: facile

Procedimento

In una terrina sbattere il cocco con il cacao, lo zucchero, il rum e aggiungere il latte di soia finchè il composto non risulta malleabile ma non troppo secco.

Se necessita aggiungere ancora latte di soia.

Formare delle palline della grandezza desiderata e passarle nella farina di cocco.

Conservare in frigo in un contenitore ermetico.

Come variante è possibile alla fine passare i cocchini nel cacao amaro oppure nella granella di nocciole.

Contorno medievale

Di Kriss Mucchi inContorniRicette Tag cipollemele

Ingredienti (per 6 porzioni)

250 gr. di riso parboiled

mele golden

cipolle rosse

150 ml acqua

Olio EVO q.b

Sale fino q.b.

Pepe (facoltativo)

Cottura: pentola

Difficoltà: medio-bassa

Procedimento

Sbucciare e tagliare le cipolle.

Mettere un filo d’ olio su una pentola, scaldare e rosolare la cipolla finché non risulta morbida.

Aggiungere le mele sbucciate e tagliate a pezzetti non troppo piccoli.

Salare ed eventualmente pepare, rosolare tutto per 2 minuti, aggiungere l’ acqua e cuocere col coperchio per altri 3 minuti a fuoco non troppo alto.

Poi a pentola scoperta e fuoco più alto far consumare l’acqua in eccesso.

Far riposare le mele in pentola con il coperchio e servirle tiepide.


Buon appetito!!!



Festa di San Martino e Antichi sapori d’Autunno con una degustazione di vini di Paolo Caccese.

Comincia con un  “No Emily No Party” , ovvero un bicchiere del Verduzzo spumantizzato extra dry di Luca Fedele  il mio unico pomeriggio a Muggia durante la Festa di San Martino che è arrivata già alla sua 15esima edizione,Luca Fedele Wine un brindisi nello stand di Muja Veg  e via a fare un giretto nel villaggio di San Martino, allestito in Piazza Marconi con le casette di legno e i produttori di vino ed olio del territorio, la Guggen con la sua patata girada e panini vari, l’Ongia , perchè il carnevale non manca mai, saponi artigianali e lavanda..un giro tra profumi e sapori nell’attesa di un’interessante degustazione di vini prodotti con vitigni dell’Alto Adige coltivati a Cormons.
Il programma di quest’anno dava veramente la possibilità al visitatore di conoscere Muggia a 360° con visite guidate gratuite al Santuario, al Parco Archeologico di Muggia Vecchia, al centro storico, al Castello di Muggia e al Laghetto delle Noghere.  “La festa di San Martino è un momento per celebrare e promuovere i prodotti del nostro territorio all’interno di una manifestazione che in questi anni è cresciuta e si è consolidata divenendo un’occasione di maturazione di importanza dell’identità territoriale” ha commentato il Sindaco Laura Marzi ed è vero perchè si stanno scoprendo veramente delle realtà di eccellenza in questi settori che stanno sempre più valorizzando la nostra bella Muggia e le sue colline. 
Fatto un giretto esplorativo nel villaggio arriva l’ora della degustazione di vini di Paolo Caccese presentata dall’amico sommelier Paolo Rusgnak ed organizzata dal lA.I.S (Associazione Italiana Sommelier).
“Nelle dolci colline di Pradis che dominano su Cormons ha sede la nostra cantina…” …è così che si presenta Paolo Caccese che avrebbe dovuto fare l’avvocato ma che….”si dedica sempre più all’azienda e sempre meno allo studio legale che in una magnifica mattina di maggio viene abbandonato senza alcun rimpianto”….simpatico, empatico e facile da capire , insomma, una lezione di vini “for dummies” come me!
Primo assaggio un Müller Thurgau Di colore giallo paglierino chiaro. Profumo intenso, aromatico, leggermente fruttato. Leggero di corpo, ha gusto elegante, secco con sentore di caramello. Si abbina perfettamente con antipasti di pesce. Va servito fresco a 10-12° C. Vigneti collinari su terreno marnoso ed arenaceo che godono di clima ottimale dovuto alla vicinanza del mare. Sono esposti a sud-est.
Poi un spettacolare (secondo me) TRAMINER AROMATICO Di colore paglierino, talvolta su sfondo oro brillante. Inconfondibile profumo di petali di rosa. Sapore pieno e fragrante, leggermente asciutto ed aromatico. Si accompagna bene con antipasti a base di frutti di mare. Come aperitivo va servito freddo intorno ai 6-8° C.
In finale LA VERONICA Vino da dessert ottenuto da uve di Malvasia Istriana e Verduzzo Friulano lasciate passire. Profumo di miele, acacia e frutta secca. Al palato morbido, sapido dolce, ma non troppo, per cui si abbina volentieri a dolci di mandorle e nocciole, biscotti, formaggi saporiti
“Primi anni 90: mia moglie Veronica,(intuito e lungimiranza femminile)mi “costringe” a comprare altri 3 ettari e mezzo con il risultato di produrre oltre ai nostri classici vini, anche il Verduzzo con il quale produciamo un passito, La Veronica, appunto!
Finita la degustazione ho avuto il piacere di andare a mangiare un panino dalla Guggen con il Sig, Paolo e la mia amica Fabrizia, una bella chiacchierata con una persona veramente solare, l’abbiamo accompagnato alla macchia e ci siamo ripromesse di andare prestissimo a Cormons a visitare la sua azienda e a saccheggiare un pò la cantina! Una frase di Caccese mi è rimasta impressa,alla domanda : <<Cosa hai imparato da 40 vendemmie? >> ha risposto << Niente, perchè ogni vendemmia è diversa dalle altre>> , forse perchè denota l’umiltà della persona che studia e bvuole progredire sempre più, mi dice che c’è amore in quello che fa e tanta seiretà professionale.
Un San martino troppo corto il mio ma bello e pieno di tante nozioni in più sul vino…
…mentre il vice sindaco conclude: Abbiamo già iniziato a ragionare con il GAL sull’edizione del prossimo anno con la finalità di far conoscere entro un raggio geografico sempre più ampio la nostra piccola-grande cittadina e le sue eccellenze per far sì che il prossimo novembre sempre più persone possano decidere di venirci a trovare per condividere con noi una festa che è ormai diventata tradizione” !
Ci vediamo nel 2020!

Un pranzo di nozze al Sal de Mar a Muggia.

Ieri, 31 agosto, in una giornata di caldo afoso assolutamente anormale per il periodo (che poi dobbiamo abituarci a questi cambiamenti, ma ci vorrà del tempo) si sono sposati Francesca e Silvio e ho avuto il  compito di fare l’album di matrimonio…

Francesca e Silvio con il titolare del Ristorante Sal de Mar

Un bel compito perchè se “far” matrimoni mi piace sempre dopo 42 anni, farli a Muggia mi piace ancora di più, diciamo pure che riesco ad esprimermi al meglio con punte di top dei top se la cerimonia si svolge nella Basilica di Muggia Vecchia e le foto degli esterni  nel nostro bellissimo castello.
Ottima è stata anche la scelta del Ristorante Sal de Mar con un menu di una raffinatezza e gusto veramente al di sopra della media. Rubo dalla Home del sito :http://www.saldemar.it/
Roberta e Marco  Vi danno il benvenuto  nella magica atmosfera del fortino veneziano che da più di 300 anni cinge e protegge il mandracchio di Muggia. L’insegna racconta della primitiva funzione del fabbricato che era deputato a magazzino del sale proveniente dalle saline delle Noghere.

il Menu di Francesca e Silvio

Muri di 2 metri di spessore dovevano proteggere, da possibili attacchi via mare, uno dei beni più preziosi per la Serenissima: il sale marino. L’attività di ristorazione in questo locale storico viene svolta da più di un secolo attraverso più gestioni. E’ nostro proposito  quello di continuare nella tradizionale attività: piatti genuini, preparati rigorosamente in casa seguendo le ricette delle nostre nonne. Proponiamo, nell’alternarsi delle stagioni, i migliori prodotti del nostro splendido territorio.
Da muggesana DOC aggiungo solo un piccolo particolare che ha le radici nella storia della Muggia del 900, per noi, di Muggia centro, questo posto era chiamato da Hitler,per l’incredibile somiglianza del suo vecchio proprietario Giorgio Stener con il dittatore tedesco con i baffetti.

Piovra croccante con crema di burrata e pomodoro cuore di bue

Ritornando al delizioso menu proposto dallo Chef Andrea , ho ancora in bocca il gusto della Piovra croccante con crema di burrata e pomodoro cuore di bue
Come primo  Paccheri di Gragnano con spada, melanzane fritte, pomodoro datterino e menta fatti in onore dello sposo siciliano ed i suoi ospiti e Fusi freschi fatti in casa con scampi alla busara (i Fusi sono una pasta istriana: La pasta si fa impastando molte uova, anche sei-sette per un chilo di farina di frumento, meglio se di grano duro. Niente sale, casomai un cucchiaio d’olio. Lavorando vigorosamente e pazientemente l’impasto con le mani sulla spianatoia, le massaie istriane ricavano una pasta soda e liscia che viene fatta riposare per un’oretta prima di essere tirata a velo con il matterello. Infine la pasta viene tagliata in quadrati che si avvolgono di “sbiego” attorno al manico di un cucchiaio di legno: una semplice pressione delle dita dove i due apici si sormontano e il fuso è pronto.)

Composizione di pesce con patate in tecia

Nel secondo ho trovato anche un accostamento che non avrei creduto cosìbuono: pesce e “patate in tecia”..
In questo caso credo fosse un branzino ed uno scampo con le patate (le patate in tecia sono un piatto della tradizione triestina. Come tutti i piatti tradizionali anche questo ha mille varianti. E’ un contorno a base di patate e viene servito caldo.)
E mi son dimenticata

Aperitivo fronte mare con crostini al salmone e alici marinate

dell’antipasto fronte mare  con crostini di salmone e alici che non ho assaggiato perchè sono andata con gli sposi a far le foto in castello mentre gli ospiti se li gustavano con un fresco prosecchino…
e non dimentico neppure l’antipasto Gratinato misto, con capesante, capelonghe e “caramai”….

Abbiamo finito con una torta della Pasticceria Bom Bom, con sede a San Dorligo della Valle in Provincia di Trieste…
Niente male vero??

Torta nuziale frutta e panna del Bom Bom

Ah…dimenticavo l’ottima cantina vini di Sal de mar ( e questo me lo aveva detto un amico sommelier che va spesso a cena là)

Adesso mi è venuta fame e mi verrebbe voglia di scendere e andare a mangiare da Roberta e Marco! (invece mi farò un panino e mi lancerò sul divano)
Buona serata a tutti!
PS: guarda le foto sul facebook

Antipasto gratinato

Iniziare bene con una Vernaccia di Serrapetrona ed il Concerto di Capodanno a Vienna

Buon 2019!
Concerto di Capodanno a Vienna e un bicchiere delle Bollicine sul Carso con una fresca Vernaccia di Serrapetrona nella tranquillità di casa dopo una notte di San Silvestro insolita e piacevole, un inizio veramente rilassante nel turbinio di questi ultimi mesi, bisogno di rallentare e fermarsi almeno per un giorno…e la musica di Strauss è adatta a questo stato d’animo.  
Christian Thielemann, attuale direttore della Staatskapelle di Dresda e direttore musicale del Festival di Bayreuth, dirige il Concerto nella Grosser Saal del Musikverein di Vienna e mi chiedo se c’è un anno della mia vita dove ho mancato a questo appuntamento e non lo trovo.Desiderio di essere là seduta in platea ed ascoltare dal vivo acuito dalla voglia di ritornare a Vienna dopo la fugace visita di quasi un anno fa.Radetzky March Von Karajan! What else?

Personalmente, alle lenticchie, preferisco Strauss con un’aggiunta extra di Vernaccia di Serrapetrona e, nel brucia oli essenziali una miscela che si chiama :Rinasci. Un mix per il mio rito del 1 gennaio che include il relax e la poca poca retrospezione..
Resta chiaro che il Food and drink sarà un argomento importante anche del 2019, musica, cultura e tanta Europa fanno parte dei desideri più hard…e per iniziare a rendere interessante questa pagina vi racconto che:
fresca al palato questa vernaccia rara ma molto apprezzata, la Vernaccia D.O.C.G. di Serrapetrona proviene da uve del vitigno omonimo, coltivato fin dagli antichi tempi la cui produzione è consentita in un territorio molto circoscritto, che comprende l’intero comune di Serrapetrona e parte dei comuni di Belforte del Chienti e San Severino Marche tutti in Provincia di Macerata. Il vino è prodotto nella versione secco e nella tipologia dolce.
Mi immagino questo nuovo anno con uno shaker da cocktail gigante dove miscelare in armonia tantissimi interessi che siano dei piaceri ma che non portino solo all’egoismo perchè la bellezza va condivisa!
E adesso aspetto la Radetzky e dopo…due puntate di Viking!!
Buon Anno di cuore a tutti!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Saluto al 2018

Buongiorno,ultimo giorno dell’anno ed è logico fare le somme di quello che è successo.
Il 2018 è stato un anno importante sotto tanti punti di vista, non facile ma migliore di tanti altri.

La giostra del Cosmo, un vortice che ha bisogno di equilibrio.

Soddisfazioni e piccoli sogni realizzati, lo scontro con l’età che avanza, la consapevolezza che certe cose non puoi proprio farle più, ma ne puoi fare tante altre (anche se, per me, è comunque limitante, ammetto che l’invecchiamento mi spaventa) e, soprattutto, energia che si muove come in una Giostra Cosmica…tanta energia…Addio 2018 che mi hai portato a Vienna, la Trottola è arrivata Prima, mostre personali e collettive come se non ci fosse un domani  e, soprattutto, la consapevolezza che posso finalmente esprimermi senza pensare “ma cosa diranno gli altri?”, ho voglia di fare “delle cose” e proverò a realizzarle…in modi nuovi..Ho un sacco di cose diverse tra loro ma convergono quasi tutte verso il “benessere”, ne senso più ampio e generale del termine , “un ben stare” non solo fisico ed egoistico….vediamo un po’ se riesco a fare ancora un passettino in avanti …
Grazie comunque 2018 che hai innescato tutta una serie di cose piacevoli anche se bisogna estrapolarle dalla fatica della quotidianità , grazie per i regali inaspettati e tanti meritati, direi che puoi passare il testimone al 2019…avanti così che va bene! (la questione salute ha un paragrafo a parte)
Ma veniamo a questo piccolo blog. Ci ho pensato molto se continuare o chiuderlo, ma The Foodie mi piace e devo assolutamente trovare il tempo per riscrivere. Fare la blogger non è sicuramente una priorità, ma qua dentro ci sono dei contenuti interessanti e posso renderlo ancora più piacevole. Ovviamente non sono in grado di parlare di un argomento solo e…everythingelse è nel titolo! Ho già una lista lunga lunga di articoli, devo solo mantenere il ritmo con costanza!!! Ci provo…..

Buon Anno a tutti allora! Che il 2019 porti tante cose belle a tutti!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

-2 per Sirene, Oltre il Mare a Porto San Rocco, la mia “personale” nell’ambito degli eventi di Barcolana50

Buon giovedì,
mancano 2 giorni all’inaugurazione di Sirene, Oltre il Mare a Porto San Rocco e sono proprio agitata.

Invito!
Sabato 6/10 ore 18!!!

In questa ultima settimana ho deciso di aggiungere delle cose e non ho ancora finito;il fatto è che non avevo capito ancora l’importanza di essere presente negli Eventi della Barcolana50, la Regata più grande del Mondo! Non avevo neppure capito il significato e la fortuna del poter esporre nella Sala Congressi di Porto San Rocco!
Non è una personale nuova nuova ma un percorso che vuole diventare riflessione e mi piacerebbe coinvolgere tante persone, se poi aggiungiamo il fatto che sono 20 giorni che non fumo (victory!) mi sembra logico che la mia ansia sia ragionevolmente giusta.

Il tutto nasce l’altr’anno dopo una bellissima settimana passata in mare con il mondo della vela degli ORC World 2017 proprio a Porto San Rocco.
Amo il Mare e , questa esperienza, è stata una fonte di energia ma, anche, di creatività e riflessione.
L’altr’anno ho anche vissuto un periodo di ribellione verso la “fotografia” concepita come mestiere e arte alla portata di tutti. Mi si sono presentate immagini spacciate per “Arte” da persone che , fino a ieri, disegnava, pitturava quadri ma di tecnica fotografica neppure l’ombra…lo ammetto….mi sono girate le scatole alla grande; era come se io , di colpo, prendessi in mano dei pennelli, dopo 35 anni che non studio la pittura (che amo e spero di coltivare in pensione, se ci andrò un dì). Insomma, ero stufa dei soliti clichè e avevo voglia di uscire dagli schemi, vedevo immagini riconosciute come Arte solo perchè presentate come Arte Concettuale, ma perchè non anch’io? Perchè non provare qualcosa di diverso dalla solita stampa? Perchè  non esprimere le mie sensazioni di questa settimana a modo mio? Così è nato Sirene, esposto nella Biblioteca Statale Stelio Crise di Trieste  con Espansioni(Sono 50 le artiste partecipanti alla Rassegna Internazionale d’ Arte Contemporanea “percorsi di creatività delle donne”. Il titolo è INCONTRA.).
Poi è arrivato il momento di Le Vie delle Foto e ho presentato Oltre il Mare dove mi sono sbizzarrita a creare altri pannelli con questa tecnica mista: stampa a casa su carta comune, riversamento immagine su legno, pennellate di acquarelli ed acrilici e qualche tratto di pennarello…
Insomma…l’apoteosi per me che amo le stampe fotografiche Fine-Art ….
Nel frattempo Marina Abramovic firma il manifesto di Barcolana50 , Il manifesto, realizzato con il sostegno di illycaffè, reca il messaggio “We are all in the same boat”, un invito a fare squadra per proteggere il pianeta, nonostante le competizioni (sportive e non) con cui ci si confronta tutti i giorni, ma il suo significato viene stravolto e la polemica infuria negli ambienti politici! Credo che , a livello estitico, posso piacere o no (come tutte le opere d’arte del resto) ma cambiarne il vero significato lo trovo veramente da stupidi. Nello stesso tempo ho scoperto anche che, il significato del manifesto, era molto simile alle motivazioni della mia Oltre il Mare e ho visto il bando per poter far parte degli eventi di Barcolana50 e ho pensato che ero perfettamente in tema. Ma dove proporla? La location poteva essere solo una. quella che aveva fatto nascere il progetto: Porto San Rocco. Ho chiamato il Sig. Sponza e l’idea è stata accolta e ho mandato la mia richiesta di far parte degli eventi, richiesta che è stata accolta, con mia grande gioia.
Durante l’estate, Oltre il Mare si è allargata ancora di qualche  “opera”? “Quadro”? “Esperimento”? Non so come chiamare questi pannelli di legno e annessi messaggi , ma il significato è uno e preciso: “..mi ha portato a riflettere anche sul mito della natura perduta e lo strapotere della tecnica, c’è una via d’uscita per l’uomo moderno: ritrovare un nuovo rapporto con la natura un rispetto reciproco che tolga ogni arroganza e violenza dell’azione dell’uomo verso il pianeta e gli altri esseri viventi… altrimenti c’è il Nulla dell’Isola delle Sirene o un viaggio senza scopo in un mare sconosciuto…”
Ma esporre a Porto San Rocco non è solo un vanto per la bellezza della cornice, è anche un omaggio ad un luogo che fa parte della storia della mia famiglia.Tanti anni fa , proprio qua si costruivano navi bellissime: il Cantier San Rocco  e ho tanti ricordi bellissimi fino all’ultimo, quello doloroso, di mia madre che portava a casa la scatola con tutti i suoi accessori da scrivania (era impiegata, faceva le buste paghe degli operai del cantiere), l’ultimo giorno di lavoro: il cantiere era stato chiuso….ricordo ancora le sue lacrime .
Se avete letto tutto fino ad adesso capirete il perchè di tutta questa mia agitazione: far l’artista che manda messaggi ambientali colmi di sentimenti e di storia, vi pare poco? Mah…se sono arrivata a farlo vuol dire che forse il mio pensiero val la pena di essere divulgato!
Cercherò di fare del mio meglio!
Vi aspetto Sabato 6 ottobre 2018 alle ore 18 in Sala Congressi.
Fiore foto

Orari
Domenica 7/10 dalle 10 alle 13    dalle 16 alle 18
Lunedì, Martedi, Mercoledi, Giovedì e Venerdì
dalle 15 alle 19
Sabato 13/10 dalle 10 alle 13    dalle 16 alle 19
Domeica 14 dalle 15 alle 19

 

Un wedding party in Pizzeria Trattoria alla Tappa

Una location decisamente piacevole ed amichevole per il matrimonio di Sandra e Sandro: la  Pizzeria Trattoria alla Tappa.

Wedding Party

Per i muggesani è un’istituzione perciò mi rivolgo soprattutto ai turisti che passeranno dalle mie parti, non potete non fare una capatina da Mauro , magari per una delle sue ottime pizze!
Chi sono:
“La pizzeria trattoria ” Alla Tappa ” , nasce nel settembre 1988. Fondata da Ezio Lucatello con la moglie Stella e i figli Corrado e Mauro , attualmente e’ una delle realtà più longeve della cittadina rivierasca. Dal 2000 , e’ condotta da Corrado & Mauro Lucatello dopo la scomparsa del fondatore. L’azienda , propone una vasta gamma di prodotti che possono soddisfare qualsiasi tipo di clientela . Dalla pizza ai primi piatti a base di pesce, carne e selvaggina , dalla carne alla tartara alle fritture di pesce , carne alle griglia , costate e fiorentine completano il menù . Una vasta scelta di vini e i dolci fatti in casa , chiudono le nostre innumerevoli proposte. 26 anni di attività’ , ne fanno una scelta sempre vincente . Presenti nel mensile ” Class ” nel 2012 , come una delle migliori 25 pizzerie d’Italia !”  http://www.allatappa.com/
Posso però andare ancora indietro nel tempo arrivando nella metà degli anni ’70, quando, giovincella, frequentavo il Bar di Ezio, capostipite, con i miei amici e poi nella prima pizzeria di via Frausin, dietro a casa mia….. e si supera i quarantanni di conoscenza
Mai fatto un matrimonio alla Tappa ma non avevo comunque dubbi sulla qualità del cibo e, nel giardino ombreggiato si stava a meraviglia.
Vi propongo qualche immagine del goloso Menù !

Antipasto ;

salame di cervo e di cinghiale , prosciutto di cervo , feta e pecorino sardo stagionato

 

 

Primo ;
fusi al ragù di capriolo e gnocchi con porcini e tartufo

 

 

Secondo ;

stinco di maiale , medaglioni di filetto di manzo con porcini al barolo , patate in tecia , bisi in tecia e spinaci al burro

 

 

 

In cucina con lo Chef!

Fatemi sapere se ci andate!!! Buon appetito!

 

Cos’è la cucina Fusion Vegan? Persepolis: Falafel al profumo di aneto con hummus di ceci homemade!

Buongiorno,
Cos’è la cucina fusion vegan? Un modo nuovo di pensare la cucina, in modo creativo e senza l’utilizzo di ingredienti di origine animale; una cucina fusion, sana e naturale e allo stesso tempo ricca di gusto e sorprendenti sapori, che utilizza ortaggi di stagione, biologici/biodinamici, possibilmente di piccoli produttori. (da http://2night.it/2018/01/12/il-corso-di-cucina-fusion-vegan-di-umami-natura-golosa.html )
Non posso che dire che è vero!

Umami

Domenica ho fatto toccata e fuga al MujaVeg Festival e mi sono presa le Persepolis: Falafel al profumo di aneto con hummus di ceci homemade nel food truck. Umami – Natura Golosa.

Chiacchierando e ascoltando quel bel accento veneziano ho coperto che il furgoncino guidato da Alessandro e Pravas ogni giorno solca una città diversa e porta con sè i suoi gusti da street foodfusionDisponibili ogni giorno piatti caldi e cibo di strada, tutto fatto in casa con prodotti biologici, in gran parte provenienti da piccole realtà naturali e coraggiose, come il pane del progetto Anticamente. Il food truck è disponibile per catering con menu concordato durante feste private. Nell’ entroterra veneziano c’è anche la possibilità del servizio di consegna a domicilio.

Questa proposta di cibo da strada così diverso nasce sicuramente da una lunga ed appassionata ricerca nel mondo della cucina vegetariana, si sente l’amore per il cibo buono e sano e dal desiderio di condividere la loro personalità attraverso l’esperienza del gusto….
Credetemi DA PROVARE ASSOLUTAMENTE!! (anche per i grandi scettici del vegan)!
Su fb UMAMI Natura Golosa – Vegan food truck

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fritaia coi sparisi (Frittata con gli asparagi selvatici)

Le abbondanti piogge e le temperature finalmente gradevoli hanno risvegliato una pianta tipicamente primaverile: gli asparagi selvatici. 
L’asparago selvatico (Asparagus acutifolius) è una pianta della famiglia delle Liliaceae reperibile in tutto il bacino del Mediterraneo ma a Trieste e in Istria è un cibo di culto che riporta alle Osmize, luogo dove si vendono e si consumano vini e prodotti tipici (quali uova, prosciutti, salami e formaggi) direttamente nei locali e nella cantine dei contadini che li producono, e all’arrivo della primavera.
Nel periodo che va da aprile a giugno sono molti gli appassionati che partono per lunghe spedizioni boschive alla ricerca di asparagi selvatici, questi elegantissimi steli verdi che non solo sono deliziosi da gustare ma fanno anche bene perché possiedono una serie di proprietà benefiche per la nostra salute.

Domenica mia Sister con un ‘amica sono andate a raccoglierli e ne hanno trovati pochini, sembra che il Carso sia stato preso d’assalto sabato e le “sparisine” (le piante) erano tante ma senza il loro frutto…comunque una frittata siamo riuscite a farla  e quel gusto amarognolo intenso mi ha ricordato tante gite allegre in buona compagnia!

La mia ricetta:

ingredienti
Asparagi a piacere (vado a occhio e a fame)
dalle 2 alle 3 uova a persona (di allevamento a terra per me)
Olio ev di oliva qb (possibilmente delle nostre zone)
Sale (a chi piace anche il pepe, a me no)
Lavare gli asparagi che avrete sicuramente conservato in una brocca con dell’acqua
tagliarli a pezzettini  di 2 cm circa con le dita, scrocchiano e si rompono subito. Quando il tronco diventa più chiaro e legnoso buttare nell’umido.
Riscaldare l’olio nella padella e soffriggere un po’ gli asparagi mescolando.
Aggiungere un po’ d’acqua e cuocere 10 minuti circa,
A parte sbattere le uova con un po’ di sale e, quando i sparisi sono morbidi ma non mollicci e l’acqua è consumata, buttare le uova nella padella mescolando per amalgamare bene gli ingredienti.
Quando le uova si sono ben rapprese e la polpa è bella soda ma non troppo asciutta, spegnere il fuoco e servire subito! Sister, la sommelier dice che lei l’abbinerebbe con una buona birra lager leggera!! Prosit!

Ci stiamo avvicinando alla nostra festa, quella che preferisco da sempre: il Carnevale.

Siamo al 3 febbraio e mancano pochissimi giorni a Giovedì Grasso. Dai messaggi su whatsapp a quelli telefonici agli incontri nei vari Brico, Emporio, Ferramenta e negozi di Muggia (è più stancante ma più divertente che comprare sul web ) si sente che il fermento c’è….chi a modo suo ma tanti fanno ancora carnevale, fortunatamente.

Prove per la sfilata

Per tante persone è un evento inutile e superfluo, per altri è dispendioso, per me è sempre stato anche un grande aiuto economico.Oltre che ad essere anche una tradizione antica (si trova ufficialmente negli Statuti Comunali nel 1420) è anche un momento di spensieratezza, una pausa dalla quotidianità,una valvola di sfogo. Per me, che ho superato abbondantemente i 55 anni, è diventato un bel momento per incontrare amici che non vedo mai o poco, un “babezzo” con le mie amiche , un momento di melanconia ricordando chi non c’è più, “un bicèr” o un bianco/rosso con l’arancio e ultimo in ordine di tempo è parlare di nipoti con altri nonni, un mondo nuovo molto speciale!
Pian piano che passano gli anni si rallenta e si trovano altri modi per fsteggiarlo si fa in tono più leggero ma chi ha la passione non credo possa perderla, magari poco, ma si fa.

Strumentopoli

Finalmente sto imparando un sacco di cose su materiali, colle e colori; è interessante e divertente anche se non è facile e ,se viene bene, da una piccola soddisfazione anche personale: l’ho creato io….
Quest’anno son un po’ in ritardo con i vestiti per la sfilata, diciamo pure che sono ruggine ….l’ansia da mancata prestazione inizia a serpeggiare! E’ una delle cose antipatiche del carnevale: la paura di non finire in tempo e dover fare tutto in modo veloce è fastidioso. Sono lenta e mi piacerebbe aver iniziato prima,ma è andata così e fare quel bel viaggetto a Vienna inaspettato non mi è dispiaciuto per nulla (devo ancora finire di sistemare le foto per colpa dei costumi).
Per il prossimo anno ho già deciso però che si cambia:
– sarta che fa il lavoro grosso, nel senso che io porto modelli disegnati e stoffa e lei si arrangia
– io mi occupo degli accessori creativi non ingombranti.
– Gommapiuma abolita se non per oggetti piccoli
– sketch allegro, niente di movimentato ma divertente.
– Affitto di magazzino/cantina con bagno per usare come deposito e cambio o, ancora meglio, piccolo appartamento in centro storico vicinanze piazza, max I piano.
– Attrezzatura fotografica ultraleggera ed ultra professiona da poter tenere in un piccolo tascapane sul fianco e a tracolla.
E, cosa importante, trovare il tempo per lavorare in Capannone, attaccando carta e aiutando nella bassa manovalanza dato che poco so fare, è fatica ma mi piacerebbe rifarlo come tanti anni fa.
Della serie #sognarnocostaniente #femocarneval #noinomolaremomai

#fiorellamacormobilephitography

Carnevale 2018

Nelle case per carnevale