Food photography e workshop da Eataly Trieste.

Bello, bello, bello! Sì, è stata proprio una bella esperienza che da il là ad una mia personale evoluzione della food photography al punto di farmi venir voglia di aggiungere una pagina dedicata a questo blog.
Chi mi conosce sa che l’insegnamento della fotografia di base non è una mia ispirazione, le cose tecniche da sole non sono nelle mie corde, devono essere affiancate a qualcosa di più creativo ed affascinante che diaframmi, rapidità, lunghezze focali ecc ecc…(esperienza cmq fatta ed abbandonata), da tempo cercavo l’estensione adatta all’insegnamento ed ero convinta che avrei iniziato con insegnare “etica e ripresa di matrimonio” (è in cantiere), invece si è presentata questa occasione in collaborazione con Le Vie delle Foto e Eataly di Trieste che mi ha dato modo di immergermi ancora di più in questa mia passione della fotografia di cibo.
Smartphone e social media, tutto girava attorno a questa nuova passione esplosa sul web, condividere immagini di cibo che facciano venire l’acquolina in bocca non è una cosa così semplice come sembra, serve tecnica, colpo d’occhio e creatività, difficile anche imparare tutto in 2 ore e mezza ma, come si dice giustamente, chi ben comincia è a metà dell’opera e sono sicura che tutti i partecipanti hanno trovato uno spunto per migliorare le loro opere, che siano fatte in fretta in un ristorante oppure ben studiate a casa.
Vi confesserò che l’ansia da prestazione è stata la sensazione del primo quarto d’ora di workshop, ma poi, vedendo l’interesse dei partecipanti mi sono lasciata trasportare dal piacere di trasmettere quello che ho imparato in questi ultimi anni di passione (il tutto con il mio palinsesto cartaceo in mano…per non disperdermi).
Un solo giovanotto con 15 ragazze, difficile non pensare come sono cambiati gli scenari della fotografia in 40 anni ( eh già..in ottobre festeggerò i primi 40 anni di carriera), fino a 10 anni fa ci sarebbe stato esattamente l’opposto, poche quote rosa e anche l’insegnante di gender male probabilmente; bella questa rivoluzione, ho sempre pensato che noi “ragazze” abbiamo più sensibilità nello scatto e siamo molto più aperte mentalmente. Una frecciatina mi sa che ho voglia di mandarla a quell’associazione maschilista della zona che mi aveva bannato anni fa dal loro forum perchè li avevo accusati di non avere elasticità mentale e che pensavano solo alla tecnica, ma non disperdiamoci con dei fuori tema….
Nonostante il programma sia stato cambiato all’ultimo momento ed il set fosse assolutamente di una difficoltà di ripresa unica, i risultati sono stati veramente ottimi e mi piacerebbe veramente raggruppare tutti gli scatti migliori di ognuno in una gallery, perchè, lo ribadisco, era veramente difficile rendere appetitoso qualcosa con quella luce e con un set decisamente minimal/marrone.
Un bell’aiuto è venuto dall’ Asparago burger by Chiara Canzoneri, chef dell’ Hendrick’s Gorizia:

Hamburger di prosciutto cotto in crosta caramellata ed asparagi.

pane fatto in casa cotto al vapore e farcito con asparagi selvatici saltati, prosciutto cotto Masè caramellato, formadi frant e misticanza di asparagi cotti e crudi.
Abbiamo aggiunto anche degli scatti della preparazione del burger, un qualcosa in più.
Difficile anche le riprese degli spaghetti al pomodoro, piatto di punta di Eataly, i colori caldi e forti mescolati al marrone del tavolo e al piatto decorato con una linea blu rendevano la ripresa veramente un’operazione complicata.

Insomma, un tassello importante in più da aggiungere ad un cammino che mi piace sempre più….grazie a tutti!