Ma la vela non è solo sport, chiacchierata con Nicoletta Tamburlin del team di Brava.

Oggi relax, nessuna regata perchè aspettavamo l’arrivo di quella lunga, offshore, partita ieri pomeriggio davanti Piazza Unità a Trieste. Stamattina mi sono trovata con il mio “comandante” Bruno che ci ha portato per mare con il suo motoscafo a fotografare da vicinissimo la partenza di ieri e dopo gli accordi per l’imbarco di domani mattina mi sono fatta una bella chiacchierata con Nicoletta Tamburlini, una velista di Belluno che fa parte del Team di Brava.L’argomento che mi interessava dal principio era “la cambusa”, ovvero: come si mangia in barca? Cosa? Nicoletta parte dal convincimento che andare in barca a vela deve partire da uno spirito di amicizia, essere un team non solo in barca nel momento delle manovre ma anche dopo, il sedersi davanti ad un tavola, mangiare, bere e discutere di quello che è successo in mare sempre davanti ad un piatto, non il classico panino di prosciutto che ti si blocca sullo stomaco ma con qualcosa di gustoso. Per lei la regata iniziava due giorni prima in cucina nel preparare torte, marmellate per la colazione per la mattina di tutto l’equipaggio, pasta pasticciata, pasta al forno.

Pasticcio di verdure

Una volta è riuscita a cucinare del coniglio con delle costicine di maiale che poi hanno scaldato. Le ricette variano ovviamente in base alle stagioni, non ha mai fatto pasta fredda ma il riso freddo per le regate lunghe accompagnato da polpette che son buone da “sbecottare” così (da noi si dici sbecolare) e poi ci sono tutte le varietà di torte salate, crostate di verdure. Il tutto deve essere sempre innaffiato da un buon vinello.
Nella stagione fredda preparava dei minestroni che congelava e metteva a porzioni nei sacchetti di plastica per poi riscaldare il tutto finita la regata, non c’era nulla di meglio per riscaldarsi dal freddo e dall’umidità. Non stento a crederle quando mi dice che questo era il suo “lavoro extra” alle regate e che tutti erano felici e contenti.
Era diventata un’abitudine anche degli altri team chiedere se aveva portato qualche torta e lei distribuiva fette per tutti i pozzetti!.

Parmigiana

Mi confessa che a lei non piace cucinare ma questa fatica veniva ricompensata dallo star bene insieme, il sapere di far piacere a qualcuno, soprattutto all’armatore, perchè stato lui a farla entrare in questa filosofia di veleggiare e regattare, 2R NEL VENTO di Roberto Reccanello, che è stato anche il suo maestro di vela. Adesso però le cose sono diverse da quando ha cambiato natante a bordo ci sono …i panini…
Barca che vai, usanze che trovi, mi vien da dire!
A Capri hanno l’usanza di farsi preparare dei panini di circa un 20 cm con uno strato di mozzarella ed uno di pomodoro, molto più leggero e salutare dei salumi ovviamente.
In barca, poi, non deva mai mancare frutta secca, cioccolato, crackers e grissini, utili tra una prova e l’altra per dare energia e saziare quello che basta.
Mi vien da sorridere quando mi parla di un equipaggio di triestini che era un po’ schizzinoso.

Brioches

Ad uno non piaceva il tonno, l’altro non mangiava olive poi c’era un ragazzo che  prendeva un panino, buttava in mare la parte sopra e mangiava solo l’imbottitura con il pezzo del pane sotto…e buttare via il pane è un abominio! A questo punto si è incavolata e, a Cherso, ha portato dei sacchetti con: panino, frutto e bottiglietta d’acqua, era la dose del giorno! Se hai fame, portati da casa quello che vuoi…..
A questo punto la nostra conversazione si sposta sulla regata e sull’applicazione Trac Trac che ti segna dove sono le imbarcazioni con il GPS e scopriamo che Mascalzone Latino è primo e tra qualche minuto arriverà in porto.
Mi è piaciuto ascoltarla perchè la mia convinzione che cibo e bacco siano simboli di amicizia e socialità è stata confermata: se c’è un gruppo affiatato si cucina volentieri, se non ci sono questi elementi…panini..ma c’è un’eccezione,

Meritata merenda !

il sacchetto che ci danno in sala stampa con: panino, mela e acqua da portare in barca mentre andiamo a fotografare le regate. Noi abbiamo avuto la fortuna di trovare il comandante che è un mio amico di lunga data che ci ha offerto anche del buon parmigiano e e dell’ottimo vino. Ieri abbiamo attraccato in porto, ci siamo seduto comodamente in barca e mangiando ci siamo lasciati andare a chiacchiere …. è stata decisamente una giornata perfetta
Bruno,Nicoletta, Giulio e Fiore, un team non in gara ma con lo spirito richiesto da chi ama il mare…
Buona serata a tutti …con il rientro di Mascalzone Latino

ORC Worlds Trieste 2017

Rientro in Porto San Rocco dopo la vittoria di Mascalzone Latino